Protesta_familiari

NAPOLI – “E’ proprio il caso di dire che al danno si aggiunge la beffa, visto quel che sta succedendo alle centinaia di persone che cercavano un posto dove mettere i loro cari morti”.A denunciarlo il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli

, che ha partecipato alla manifestazione promossa dal Comitato nato per chiedere che venga rispettato il diritto al sepolcro, insieme a Gianni Simioli de La radiazza.“In pratica, come ricorda la portavoce del Comitato, Sabina Dell’Aera, Montuori, un imprenditore del settore funerario, si impossessò di cappelle abbandonate per poi ristrutturarle e ampliarle e vendere i loculi a ignari cittadini che cercavano un posto dove mettere i loro cari” hanno raccontato Borrelli e Simioli aggiungendo che “purtroppo, al momento, l’unico risultato delle indagini, finora, in attesa dei processi contro gli autori di questa truffa, è stato il sequestro, a giugno, delle cappelle e dei loculi e quindi le persone non possono andare a portare un fiore e a tenere pulite le tombe dei loro cari”.“Nel rispetto delle indagini e del lavoro della Magistratura, sarebbe il caso di accelerare l’iter per liberare le aree sequestrate per permettere ai parenti dei defunti alloggiati di poter accedere e tenerle pulite e curate” ha concluso Borrelli annunciando che chiederà ai consiglieri comunali dei Verdi a Napoli, Stefano Buono e Marco Gaudini, di interessarsi personalmente alla vicenda per trovare una soluzione e per capire come sia stato possibile che si facessero lavori di ristrutturazione, con tanto di esumazioni, senza che nessuno se ne accorgesse. Sembra di essere di fronte alla punta dell’iceberg di una tangentopoli dei cimiteri”.

https://www.facebook.com/francesco.e.borrelli/videos/vb.1590184396/10209147527037191/?type=2&theater

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments