Albero1

NAPOLI – “Bisogna intensificare la sorveglianza nella Villa Comunale del lungomare di Napoli perché, complici i lavori per la metro e la situazione di abbandono in diverse zone, anche per colpa dei cantieri aperti, la villa non è molto frequentata e finisce spesso per essere ostaggio di malintenzionati, come è capitato oggi con la rapina ai danni di una donna”.

A chiederlo i Verdi, con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e la capogruppo nel Consiglio della Prima Municipalità, Benedetta Sciannimanica, evidenziando che “ci sono pericoli continui anche per la presenza di vere e proprie baby gang che danneggiano anche la villa comunale come dimostra il loro nuovo gioco violento che consiste nello sradicamento degli alberi come dimostrano le foto che ci sono state inviate e, purtroppo, gli episodi di violenza gratuita aumentano di giorno in giorno”.

“In attesa della piena riqualificazione che potrà avvenire solo quando saranno chiusi i vari cantieri aperti, le forze dell’ordine dovrebbero aumentare i controlli per evitare che la Villa Comunale diventi davvero un territorio ostaggio di piccoli e grandi delinquenti, ma resti, invece, un luogo a disposizione delle famiglie napoletane e dei turisti” continuano Borrelli e Sciannimanica.

“Intanto – conclude Sciannimanica – noi mamme da circa un anno ci siamo organizzate con delle sorte di “ronde” per proteggere i nostri bambini. Ci organizziamo in gruppi di almeno tre e, spesso accompagnate almeno da un papà, giriamo per la villa per evitare aggressioni o violenze a noi o ai nostri figli”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments