eb27d4c689f2ecf01497c90407a976f9

BENEVENTO- Il ministro della giustizia Andrea Orlando interviene sul caso che riguarda il carcere minorile di Airola, in provincia di Benevento, al cui interno sono stati scattati dei selfie scattati da detenuti che poi sono stati pubblicati liberamente sui social network e anche in un profilo facebook creato appositamente.

Orlando, “a seguito delle rilevanti criticità insorte presso l’Istituto penitenziario minorile di Airola – si legge infatti in una nota del ministero – ha manifestato la sua preoccupazione e sollecitato il competente dipartimento a intervenire. Il Dipartimento della giustizia minorile e di comunità ha pertanto provveduto a revocare l’incarico all’attuale direttore facente funzioni della struttura. In sostituzione di quest’ultimo è stato incaricato in via temporanea urgente il dott. Gianluca Guida, già direttore dell’Istituto minorile di Nisida, che ha dunque assunto l’interim presso l’istituto beneventano”. Ieri erano state pubblicate anche su un profilo facebook appositamente creato “Airola livee” da e per i detenuti del carcere minorile di Airola, le foto e i selfie scattati all’interno della struttura detentiva del Beneventano.La notizia, era stata resa nota dal segretario generale del Sappe Donato Capece. Suscitano particolare impressione i commenti allegati alle immagini di amici e parenti.La chat utilizzata con disinvoltura dai detenuti e dai amici fuori dal carcere è stata utilizzata fino a pochi giorni fa, in sostanza fino a quando non è scattata la denuncia del Sappe.Tra complimenti e gli apprezzamenti, anche da parte di ragazze, spiccano frasi in dialetto del tipo: “Sei la mia vita”, “Amore di mamma, ti amo”. Nei post atra le decine di emoticon si baci, abbracci e ok, anche testa poliziotto con pistola rivolta alla tempia.(Ansa)

{youtube}xFwB5albAYU{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments