9_marzo_2010_l__accesso_al_parcheggio

NAPOLI – Domani e domenica sciopero nei vari punti vendita della Campania. A Via Argine i lavoratori restano in assemblea. Sabato dalle 10:30 appuntamento con presidi in tutti i punti vendita. I giornalisti troveranno all’Auchan di Mugnano i rappresentati sindacali.

Gennaro Strazzullo segretario generale della Uiltucs sulla vertenza Auchan Via Argine a Napoli: “Siamo vicini ai lavoratori e non ci fermeremo. Ci sarà domani un incontro con il Sindaco e l’assessore Panini. Sappiamo ancora poco però, le ringraziamo le istituzioni per il tavolo ma vorremo sapere qualcosa di più sull’ordine del giorno. L’Azienda latita e non sappiamo ancora niente- dichiara Strazzullo – ma mancano risposte chiare alle nostre domande. Aspettiamo un segnale anche perché per ora è arrivata una comunicazione che parla di possibile cessione. I lavoratori restano in assemblea permanente e noi metteremo in campo tutte le nostre risorse per arrivare ad una soluzione positiva della vicenda”.

“Piena solidarietà ai lavoratori dell’Auchan di via Argine e alla Giunta regionale che sta seguendo la vertenza con la massima attenzione, ma è necessario che i vertici della società francese chiariscano, una volta per tutte, quali sono le loro intenzioni, anche per capire se sono fondati i timori dei dipendenti degli altri centri commerciali che temono per il loro futuro”.

 

Lo ha detto il presidente del gruppo consiliare Campania libera, Psi e Davvero Verdi, Francesco Emilio Borrelli, per il quale “il comportamento dell’Auchan è inaccettabile perché non si può comunicare la decisione di dismettere un centro commerciale nel giro di pochi giorni, senza dare garanzie occupazionali e senza chiarire se si tratta di una chiusura o di una cessione d’azienda”.

 

“La Giunta sta seguendo, sin dall’inizio, la vicenda ed è giusto che continui a farlo, coinvolgendo anche il Governo, perché, al di là dei posti di lavoro a rischio, c’è in gioco anche il rispetto verso l’Italia e gli italiani di una società che ha prima ‘colonizzato’ la Campania aprendo, magari con agevolazioni e contributi, vari centri commerciali e, ora, ha deciso, dalla sera alla mattina, di chiudere tutto” ha aggiunto Borrelli per il quale “è una vicenda che presenta molti punti oscuri e sulla quale va fatta la massima chiarezza”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments