Da lunedì addio autocertificazione (VIDEO)

    0

    NAPOLI – Uno dei simboli della fase 1 e della pandemia da Covid-19 va in pensione e speriamo ci rimanga per sempre. Dal 18 maggio infatti niente più autocertificazione scritta, vera o inventata per giustificare le uscite di casa. Conte ha deciso, il Dpcm che dal 18 maggio rialzerà le saracinesche di negozi, bar, ristoranti e parrucchieri non prevedrà più il permesso per circolare.

    Intanto, da lunedì si potrà tornare a trovare gli amici, magari a cena, senza dover accampare scuse. Nei due mesi del lockdown per il Coronavirus (dall’11 marzo al 29 aprile 2020) la Polizia Locale di Napoli ha controllato 70mila persone, 25mila negozi, 2mila cantieri.

    Sono state circa 650 persone multate o denunciate per aver violato le norme sulla quarantena o aver dichiarato il falso nelle autocertificazioni, quasi 150 negozi sanzionati, denunciati, chiusi o sospesi da 5 a 30 giorni per violazione delle regole sul contenimento del virus.

    Sono i numeri del report dei caschi bianchi di Napoli, guidati dal Comandante Ciro Esposito, sui due mesi del blocco, durante la fase 1 dell’emergenza Coronavirus. Complessivamente, i vigili urbani hanno impiegato nei controlli 15.625 agenti sui vari turni: in media 312 unità al giorno, che hanno controllato 1.410 persone e 500 esercizi commerciali nell’arco delle 24 ore.

    Subscribe
    Notificami
    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments