Emergenza gelo a Napoli: stazioni aperte per i clochard (VIDEO)

    0

    NAPOLI – Proseguono, a causa dell’ondata di freddo, le aperture notturne delle stazioni Museo e Municipio della Metro linea 1, per ospitare le persone senza fissa dimora.

    A partire da questa sera verrà intensificata anche la distribuzioni di coperte e bevande calde.

    Nonostante le difficoltà economiche dell’Ente verranno poi potenziati di circa 40 i posti in accoglienza presso il dormitorio comunale.

    Un gesto di cura e di attenzione per cercare di offrire un riparo, seppur di fortuna, alle persone che ne hanno bisogno per proteggersi dal freddo della notte questo il commentato di Laura Marmorale, Assessora ai Diritti di Cittadinanza e alla Coesione Sociale.

    Anche la comunità di Sant’Egidio in queste ore si è mobilitata per raccogliere coperte cappelli di lana e pasti da consegnare ai senza fissa dimora.

    Fino al 6 gennaio i meteorologi annunciano temperature in picchiata durante le ore notturne con nevicate e gelate a bassa quota.

    Oltre all’allerta per nevicate e gelate si segnala una criticità per venti localmente forti con possibili raffiche”e mare agitato al largo e lungo le coste.

    Il vento da Nord, forza 6 rende infatti il mare molto mosso. Le diverse compagnie di navigazione non riescono a garantire tutte le corse di aliscafo previste in giornata.

    L’Alilauro intanto ha sospeso già da stamani i collegamenti con Forio Nel Beneventano nevica anche a bassa quota.

    Disagi alla circolazione si sono registrati sulla strada statale 87 Sannitica che collega la Campania al Molise.

    Scavi presi d’assalto dai turisti che hanno vissuto un sito archeologico incantato questa mattina tra un bel sole chiaro e piccoli fiocchi di neve che si sono posati sulle rovine antiche. Sullo sfondo il Vesuvio appena adombrato da qualche nuvola, quel poco che ha regalato la prima neve di questo inverno, subito sciolta dal sole.

    Nelle prossime ore, però, la neve potrebbe diventare più copiosa, essendo attesa una breve perturbazione che dovrebbe imbiancare la cima del Vesuvio e rendere più suggestivi i selfie tanto amati dai turisti di Pompei. Sorpreso dal meteo, il direttore generale della Soprintendenza, Massimo Osanna, ha salutato i restauratori e i giornalisti dicendo “porta bene”.

    I fiocchi di neve sono caduti anche sulla tangenziale, sui quartieri alti di Napoli e sui comuni vesuviani.

    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments