NAPOLI – Regole più severe per poter usufruire del trasporto pubblico e per accedere in bar e ristoranti da questa mattina, giorno dell’entrata in vigore del cosiddetto supergreen pass.

A Napoli controlli a macchia di leopardo da parte delle forze dell’ordine: nell’operazione sono stati impegnati 400 uomini della Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia locale.

Le verifiche si stanno effettuando prevalentemente alle uscite per evitare rallentamenti nel servizio pubblico di trasporto.

I controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni e riguarderanno sia la città di Napoli che i Comuni della Provincia. Tra chi ha già eseguito la terza dose e chi è fermo alla seconda, non sono poche le persone a non aver capito ancora il funzionamento delle nuove misure.

Questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli di Napoli sono impegnati nei controlli volti alla verifica del rispetto delle recenti norme anti-contagio. In città i militari dell’Arma sono stati dislocati in diversi punti della città secondo il piano coordinato di controllo del territorio.

Verifiche che si stanno effettuando a campione in Piazza Salvo d’Acquisto, a via vespucci, a via dazio e presso lo stadio collana.

Oggi i Carabinieri sono impegnati anche nei controlli per il contenimento del fenomeno epidemico presso le 2 metro Colli Aminei e Chiaiano. Verifiche anche ad Ischia dove i Carabinieri monitorano il porto.

In provincia, invece, i militari stanno effettuando controlli mirati presso le stazioni periferiche ma non solo. Verifiche a campione a Castellammare di Stabia e Torre del Greco dove centinaia di pendolari prendono il treno ma anche a Capri presso il porto o a Pompei. Controlli a campione anche ai taxi ed ai loro passeggeri.

Massimo l’impegno profuso anche dai Carabinieri nell’area nord della provincia partenopea dove tra i vari comuni di casoria, giugliano in campania, afragola, arzano e tutte le altre città dell’area nolana i militari stanno effettuando controlli a campione presso le varie stazioni ferroviarie, metropolitane e mezzi pubblici. Non mancano i controlli alle attività commerciali.

Anm ha partecipato oggi nella prima giornata del green pass più forte, coinvolgendo l’apparato della security e contribuendo a campione al controllo dei passeggeri che stavano per salire sui mezzi pubblici. Un lavoro che Anm ha effettuato avendo assoluta cura di mantenere la fluidità dei flussi passeggeri ed evitando assembramenti potenzialmente conseguenti a tali controlli.
L’azienda di trasporto pubblico napoletano ha lavorato nei giorni scorsi mettendosi a disposizione delle forze di polizia, precisando nei giorni scorsi tutti i luoghi da controllare, ma anche mettendo a disposizione i propri controllori che in futuro possono accompagnare le forze dell’ordine, controllando però i biglietti e non i green pass al momento. A controllare i green pass già oggi sono stati invece i circa 50 vigilanti che sono di società di servizio assoldati da Anm e che hanno verificato i green pass: per loro c’è la possiblità di vietare l’accesso ai mezzi pubblici per chi non ha i documenti regolari e anche per indicare alle forze di polizia, se presenti, coloro che non hanno il green pass richiesto. Anm resta a disposizione della Prefettura e degli organi di governo per proseguire il lavoro a Napoli nei prossimi giorni.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments