NAPOLI – Si sono tenuti al Duomo di Napoli i funerali per Ornella Pinto, vittima di omicidio, barbaramente assassinata dal proprio compagno.

Il tutto si è svolto nel pieno rispetto delle norme anticovid, la famiglia della donna ha espressamente chiesto di far accedere poche persone all’interno della cattedrale durante la funzione religiosa celebrata dal vescovo don Mimmo Battaglia la famiglia della donna.

All’esterno c’è stato un lungo e grande applauso per Ornella il cui feretro è stato portato in spalla da altre donne.

“È stato un momento di grandissima commozione, siamo tutti provati. In questo momento così difficile e drammatico siamo vicini a Peppe, il papà di Ornella, per sostenerlo ed aiutarlo ad affrontare il dolore e a tutta la famiglia che ha affrontato con grande dignità e coraggio questo dolore immenso.

Ora chiediamo giustizia, per Ornella e per tutte le donne vittime della violenza degli uomini per ottenerla serve la certezza della pena. Mai più dovrà accadere che per l’omicidio di una dona si paghi con soltanto due anni di galera come per la vicenda Bellisario.

A tal proposito riteniamo l’omelia di Monsignore Battaglia rivoluzionaria anche per l’autocritica fatta anche al mondo della chiesa che troppo spesso ha invitato le donne a non denunciare e sopportare le violenze tra le mura domestiche. I panni sporchi, citando il vescovo, non vanno più lavati in famiglia, bisogna denunciare, bisogna mettere fine alla cultura millenaria maschilista, ci deve essere una vera parità dei sessi, la supremazia autoproclamata del maschio deve scomparire.” – ha commentato il Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli presente al funerale.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments