main_gdf

NAPOLI – Per il fisco era povero, nella sua dichiarazione dei redditi poco e niente. Ma la Guardia di Finanza di Napoli ha scoperto che negli anni ha acquistato case, auto e moto di lusso. Esisteva una chiara sproporzione tra quello che teoricamente guadagnava e quello che poteva permettersi.

Per questo motivo i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza gli hanno sequestrato beni per 2 milioni di euro. Fra essi 11 immobili a Napoli, e numerosi conti correnti. I Finanzieri del I Gruppo Napoli, hanno dovuto ricostruire l’effettiva capacità patrimoniale non dichiarata di Espedito Aricò.

Il 52enne residente a Secondigliano nel periodo compreso tra il 1982 ed il 2014 si è reso responsabile di vari reati. Tra i suoi reati l’associazione finalizzata alla truffa, furto in abitazione e ricettazione.

Lui e la sua famiglia hanno evidenziato una sproporzione tra il patrimonio e le fonti derivanti dai redditi dichiarati o percepiti. Erano evidenti dunque le sperequazioni di spesa (acquisto di immobili, motoveicoli ed auto di lusso). Dal provvedimento di sequestro si capisce la sproporzione tra patrimonio del nucleo familiare e spese effettuate. Il “Codice Antimafia”, infatti, prevede la possibilità, in presenza della cosiddetta “pericolosità sociale”, di procedere al sequestro.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments