ERCOLANO – I carabinieri di Ercolano hanno setacciato le strade della città denunciando tre titolari di altrettanti bar che erano aperti nonostante il divieto imposto dal governo.

A Torre del Greco i carabinieri della locale compagnia hanno denunciato 2 persone che vendevano per strada sigarette di contrabbando indossando la mascherina, uno di questi era munito di quella di ultima generazione.

A Torre annunziata i militari della locale compagnia, insieme a personale della polizia municipale, hanno denunciato il parroco di una chiesa e il titolare di un’agenzia di pompe funebri per aver organizzato una benedizione funebre durante la quale erano presenti molte persone.

7 i giovani denunciati dai carabinieri della stazione di Anacapri per violazione del decreto governativo anticontagio.

Hanno lasciato le loro abitazioni senza giustificato motivo e scavalcato la recinzione di un campo sportivo per giocare a calcio.

Sull’isola d’Ischia i carabinieri della locale compagnia hanno denunciato per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità e per false dichiarazioni a pubblico ufficiale un napoletano. Durante un controllo al porto di Ischia, ha dichiarato sul modulo di autocertificazione di essere uscito per far visita ad un amico. Peccato per lui che non fosse possibile uscire per far visite non urgenti e che il nome del conoscente fosse inventato di sana pianta.

Ancora sull’isola d’ischia, un uomo di origini tunisine è stato denunciato dagli stessi militari due volte a distanza di poche ore. La prima volta i militari lo hanno trovato a Forio in compagnia di tre persone senza rispettare la distanza interpersonale di un metro. Poco dopo i carabinieri lo hanno trovato passeggiare con altre tre persone mentre sorseggiava birra

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments