Il matrimonio di Tony Colombo e Tina Rispoli, a Napoli traffico bloccato, cavalli bianchi e trombettieri (VIDEO)

    0

    NAPOLI – Ha creato non pochi imbarazzi istituzionali e problemi di ordine pubblico il matrimonio tra il cantante neomelodico Tony Colombo e Tina Rispoli.

    L’organizzazione, fin dal flash mob di martedì a piazza Plebiscito, tramutato in un piccolo concerto con tanto di palco improvvisato, passando per il corteo di Secondigliano di stamane non erano a conoscenza del Comune e della Polizia Municipale.

    Palazzo San Giacomo per consentire il regolare svolgimento della cerimonia prevista nella sala della Loggia del Maschio Angioino, senza creare problemi all’ordine pubblico, ha deciso di spostare la “XXIV Giornata nazionale della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie” a Palazzo San Giacomo.

    A Secondigliano per oltre un’ora traffico in tilt per consentire l’uscita di casa alla sposa su un calesse trainato da 4 cavalli bianchi preceduto da un corteo di artisti di strada giocolieri e persone in abiti d’epoca.

    A seguito delle segnalazioni intervenute nella mattinata al nucleo Mobilità Turistica della Polizia Locale del Comune di Napoli, gli Agenti sono prontamente intervenuti nel quartiere di Secondigliano, dove in strada si svolgeva un corteo formato da fan e curiosi che seguivano il passaggio di una carrozza con cavalli e giocolieri.

    Detta carrozza, che ha attraversato il Corso Secondigliano, è stata fermata e sanzionata dai poliziotti intervenuti, che hanno riscontrato diverse irregolarità come previsto dal Codice della Strada, a carico del conduttore della carrozza.

    In particolare l’attività veniva svolta con la mancanza della targhetta identificativa e segnale mobile di pericolo per i veicoli a trazione animale ed ha rallentato la pubblica circolazione in assenza di alcuna autorizzazione o comunicazione alle autorità preposte.

    Maschio Angioino blindato da un imponente servizio di body guard. La sposa accolta da fotografi, droni e trombettieri ha solcato il castello seguita dall’obiettivo indiscreto solo dei fans, visto che la coppia ha ceduto le immagini esclusive solo a Canale 5.

    Anche al Maschio Angioino gli agenti della Polizia Locale sono intervenuti provvedendo ai relativi controlli stante l’utilizzo dei drony, acquisendo le autorizzazione fornite da fotografi commissionati per l’evento.

    Vista l’affluenza di cittadini e la calca formatasi nell’area circostante il Maschio Angiono, si è provveduto, inoltre, a tenere sgombera la rampa di accesso e a consentire comunque una regolare circolazione sia veicolare che pedonale per la fruizione del monumento.

    Si è inibito l’accesso dei carri e di altri mezzi non autorizzati al transito e/o all’ingresso del monumento.

    Venuti a conoscenza, per il tramite dei media è di filmati sui social network, che i festeggiamenti erano già cominciati in precedenza, utilizzando abusivamente, nelle ore notturne, P.zza del Plebiscito, per una vera e propria rappresentazione canora, si è immediatamente iniziata l’attività investigativa.

    Pertanto si è risaliti all’individuazione degli organizzatori dell’evento, e inoltre si è proceduto all’acquisizione di filmati e video pubblicati sui Social, allo scopo di determinare e perseguire le responsabilità dei soggetti coinvolti, che hanno agito in difformità alle normative vigenti sulla materia ed in assenza ad autorizzazioni delle autorità preposte.

    Dura la risposta dell’Assessore Alessandra Clemente alla Polizia Locale del Comune di Napoli: “Non consentiremo che Napoli si trasformi in un palcoscenico oleografico dove celebrare nozze sfarzose,di dubbio gusto e senza rispettare le regole minime”.

    “Ci era stato solo comunicato un flash mob in piazza del Plebiscito, tale comunicazione era stata inviata dagli organizzatori anche agli altri uffici preposti- sottolinea l’assessore – invece dalle immagini che abbiamo acquisito nella piazza si è svolto un mini concerto con installazione di un box, un palco, luci, musica, band”.

    “E’ un fatto grave ed ovviamente non autorizzato – le immagini sono eloquenti – addirittura sono affluiti nei pressi di piazza del Plebiscito auto, furgoni e una limousine”.

    “Ho dato mandato agli uffici della nostra Polizia Locale in tempi solleciti di inviarmi un report completo – aggiunge Alessandra Clemente – ed è già in nostro possesso una prima relazione stilata che ha già elevato contravvenzioni e contestato le irregolarità-per quanto è avvenuto stamane nelle strade di Secondigliano e presso il Maschio Angioino”.

    “Contesteremo ai responsabili ed all’organizzazione tutte le violazioni di legge e le sanzioni relative perché non passi il concetto che chiunque può fare il proprio comodo a Napoli infischiandosene delle regole, delle leggi e delle norme.”

    “Troviamo assurdo che si permetta a qualcuno di prendere in ostaggio un’intera città per un matrimonio. Come è stato possibile allestire e tenere un concerto non autorizzato in piazza Plebiscito? Come è stato possibile che un corteo circense non autorizzato con un cocchio in stile Casamonica abbia mandato in tilt Secondigliano?

    Tra l’altro il convegno anticamorra previsto al Maschio Angioino è stato spostato per celebrare il matrimonio di una vedova di camorra”. Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il consigliere comunale del Sole che Ride Marco Gaudini in riferimento ai disagi per la cittadinanza legati al matrimonio di Tony Colombo celebrato giovedì a Napoli.

    “Ha fatto bene l’assessore alla Polizia Locale Alessandra Clemente a prendere posizione contro tutto ciò.

    I responsabili dovranno essere sanzionati nella maniera più pesante possibile. Chiediamo inoltre a Prefetto e Questore di identificare i presenti al matrimonio visto che la sposa, Tina Rispoli, è la vedova di Gaetano Marino, fratello di Gennaro Marino, l’ex boss di camorra originario delle Case Celesti di Secondigliano.

    Mai più una vergogna del genere nella nostra città”.

    E' incredibile quello che è accaduto in piazza Plebiscito con Tony Colombo che si è esibito in un concerto non #autorizzato con tanto di #palco per festeggiare il matrimonio con la moglie. Il tutto davanti alla sede della Prefettura e dell'Esercito. Ma come è possibile che queste persone si prendano illegalmente un'intera piazza senza che nessuno le interrompa?

    Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Giovedì 28 marzo 2019

    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments