NAPOLI- Dopo indue video diffusi in rete che immortalavano una baby gang gettare nel cassonetto un uomo, maltrattare un anziano e molestare una domna, sono stati subito individuati dalle forze dell’ordine i responsabili delle due “bravate”.

Stando a quanto si apprende si tratterebbe di ragazzi non nuovi ad atti del genere.

“Oltre a renderli noti per dimostrare la pericolosità delle baby gang, abbiamo anche inviato alla Questura affinché identifichino i responsabili di quei comportamenti vergognosi e inaccettabili”.

Lo ha ricordato il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e lo speaker Gianni Simioli che hanno rilanciato due video in cui si vedono ragazzini tormentare un anziano, costringendolo a scendere dalla metro, prima di cominciare a molestare una donna, e altri che invece addirittura gettano in un cassonetto della spazzatura una persona.

“Tra l’altro, dopo la pubblicazione dei video, abbiamo avuto diverse segnalazioni da parte di persone che, nei fatti, hanno identificato un paio dei ragazzi che si vedono nei video sottolineando che loro e il resto dei gruppi, che sarebbero residenti tra Secondigliano e Scampia, non sono nuovi a comportamenti del genere” ha continuato Borrelli aggiungendo che “tutte le notizie utili all’identificazione saranno inviate alla Questura auspicando che ci sia anche un controllo sulle famiglie in modo che, qualora emergesse la loro inadeguatezza a educarli, vengano tolti alle famiglie stesse”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments