La famiglia di Ugo Russo chiede “giustizia e verità” (VIDEO)

    0

    NAPOLI – La mamma e il papà di Ugo Russo, il 15enne ucciso la notte del primo marzo 2020 a Napoli, durante un tentativo di rapina ai danni di un carabiniere in borghese quest’ultimo indagato per omicidio volontario, si sono incatenati stamattina nello spiazzale del tribunale di Napoli esponendo dei cartelli con i quali chiedono “verità e giustizia”.

    C’è l’urgenza di sapere, se quella maledetta notte del 1 marzo 2020 a Ugo è stata o meno applicata una pena di morte senza processo.

    Insomma avere tutta la verità su un figlio ucciso con almeno tre colpi di pistola di cui uno alla nuca.

    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments