NAPOLI – La Galleria Umberto I di Napoli è ormai diventa un’area di bivacco, un rifugio per senzatetto e tossicodipendenti, ed una zona franca per vandali, piccoli delinquenti ed incivili, dove regna il degrado.

Non è certo una novità per il Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli che denuncia la situazione galleria da anni chiedendo interventi alla Soprintendenza che sino ad oggi si è mostrata sorda ai tantissimi appelli.

“Non ci si deve certo meravigliare ora dello stato in cui si trova la Galleria Umberto. Noi da anni gridiamo a gran voce che occorre correre ai ripari ma nulla mai si è fatto, la Soprintendenza ha continuato e continua a tenere la testa voltata altrove oppure ha agito in maniera del tutto sconsiderata. Ricordiamo, ad esempio, la vicenda dei rattoppi dei rosoni in sughero.

Una soluzione per tener fuori il degrado della galleria c’è: mettere i cancelli, così come alla Galleria Alberto Sordi di Roma.

Negli ultimi giorni siamo stati rimasti tutti entusiasti per le bellezze di Napoli fatte riscoprire dal grande Alberto Angela. Quelle bellezze, però, non devono essere utilizzate solo come motivo di vanto ma vanno preservate e valorizzate. Per cui sapendo che abbiamo 2500 anni di storia e di cultura, dovremmo indignarci per come ora è ridotta la città e batterci per ritornare all’antico splendore.”- sono state le parole di Borrelli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments