NAPOLI – La Camera di Commercio di Napoli, in relazione a notizie di stampa relative al bando per le luminarie di Natale, che associano in maniera fuorviante i fondi messi a disposizione dall’Ente ma non più disponibili a causa dell’esito della gara andata deserta a quelli messi in campo in questi giorni dal Comune di Napoli per una analoga iniziativa, intende chiarire la propria posizione.

Il presidente dell’Ente, Ciro Fiola, il 9 ottobre dichiarò: “Con profondo rammarico ho appreso dagli uffici della Camera di Commercio che il bando per illuminare Napoli a Natale, che aveva una dotazione economica di 1,5 milioni, è andato deserto. Avevamo fatto un appello alle imprese affinché partecipassero con slancio, indicando strade e piazze, privilegiando le periferie. Ma alle 10 di questa mattina, scadenza indicata per la presentazione dei progetti, non abbiamo registrato partecipazioni”.

Nei giorni scorsi, su invito dell’amministrazione comunale e in particolare dell’assessore Ciro Borriello, la Camera di Commercio, rappresentata dal vicepresidente vicario Fabrizio Luongo, ha preso parte a una riunione per verificare la possibilità di procedere all’affidamento a trattativa diretta, come previsto dalla legge, a una società interessata.

La società, incontrata nella circostanza, è la Citelum Napoli Illuminazione Scarl che si occupa della manutenzione degli impianti di pubblica illuminazione per il Comune di Napoli.

La società in questione, per procedere, ha però chiesto una variazione dei termini contenuti nel bando impedendo, di fatto alla Camera di Commercio di procedere in tal senso. A questo punto, l’Ente camerale, ha riammesso a bilancio i fondi previsti nel bando che saranno utilizzati per analoga iniziativa nel prossimo anno.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments