lungomarsporco

NAPOLI – “Dopo la drammatica giornata di ieri con la caduta di alberi, i tanti danni, i feriti e la morte di Davide, oggi ci ritroviamo anche un lungomare pieno di rifiuti riportati sulla terra ferma dalle mareggiate”.

A denunciarlo il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che è andato al lido Mappatella trovandolo letteralmente invaso dai rifiuti, e lo speaker Gianni Simioli de La radiazza di Radio Marte.

“La natura, se non rispettata, ci restituisce, con gli interessi, il male che le facciamo con i nostri comportamenti irresponsabili” hanno detto Borrelli e Simioli.

“Se non avessimo sporcato il mare usando il Golfo di Napoli come un’enorme cestino per i rifiuti, oggi non avremmo la necessità di usare uomini e mezzi per ripulire il lungomare” hanno aggiunto sottolineando che “in questo modo si sprecano soldi pubblici che potevano essere utilizzati per altri motivi, a cominciare magari dalla manutenzione degli alberi per la quale c’è sempre meno disponibilità economica”.

“E’ vero che il maltempo dei giorni scorsi è stato straordinario ed è frutto del clima tropicale con cui dovremmo cominciare a fare i conti vista la scarsa attenzione che abbiamo verso la difesa dell’ambiente, ma è vero anche che una migliore manutenzione avrebbe potuto permettere di ridurre notevolmente i danni” hanno concluso Borrelli e Simioli per i quali “il modo migliore per rispettare le vittime di quest’ondata di maltempo che ha colpito l’Italia, resta quello di cominciare finalmente a mettere in sicurezza il territorio, garantendo anche la manutenzione ordinaria che troppo spesso manca”.

Lungomare di Napoli invaso dai rifiuti

Lungomare di Napoli e Mappatella beach invasi dai rifiuti portati dal mare. Verdi. La natura ci restituisce, con gli interessi, il male che le facciamo“Dopo la drammatica giornata di ieri con la caduta di alberi, i tanti danni, i feriti e la morte di Davide, oggi ci ritroviamo anche un lungomare pieno di rifiuti riportati sulla terra ferma dalle mareggiate”.A denunciarlo il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che è andato al lido Mappatella trovandolo letteralmente invaso dai rifiuti, e lo speaker Gianni Simioli de La radiazza di Radio Marte.“La natura, se non rispettata, ci restituisce, con gli interessi, il male che le facciamo con i nostri comportamenti irresponsabili” hanno detto Borrelli e Simioli.“Se non avessimo sporcato il mare usando il Golfo di Napoli come un’enorme cestino per i rifiuti, oggi non avremmo la necessità di usare uomini e mezzi per ripulire il lungomare” hanno aggiunto sottolineando che “in questo modo si sprecano soldi pubblici che potevano essere utilizzati per altri motivi, a cominciare magari dalla manutenzione degli alberi per la quale c’è sempre meno disponibilità economica”.“E’ vero che il maltempo dei giorni scorsi è stato straordinario ed è frutto del clima tropicale con cui dovremmo cominciare a fare i conti vista la scarsa attenzione che abbiamo verso la difesa dell’ambiente, ma è vero anche che una migliore manutenzione avrebbe potuto permettere di ridurre notevolmente i danni” hanno concluso Borrelli e Simioli per i quali “il modo migliore per rispettare le vittime di quest’ondata di maltempo che ha colpito l’Italia, resta quello di cominciare finalmente a mettere in sicurezza il territorio, garantendo anche la manutenzione ordinaria che troppo spesso manca”.

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Martedì 30 ottobre 2018

Rotonda Diaz. Il mare restituisce all'uomo la sua #monnezza

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Martedì 30 ottobre 2018

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments