NAPOLI – “Resta a casa! Noi non possiamo”: è uno degli appelli che da qualche giorno vengono lanciati dall’ospedale Cardarelli di Napoli via social.

La foto, postata su FB, ritrae medici, infermieri, guardie e anche personale delle pulizie in servizio nel Pronto Soccorso, ma anche di altre strutture dell’ospedale piu’ grande del Sud, con la mascherina e in mano una lettera della frase che inizia con l’invito rivolto agli italiani dal premier Giuseppe Conte durante la conferenza stampa con la quale annunciava l’estensione della zona rossa a tutta l’Italia.

“Siamo provati psicologicamente e percepiamo quotidianamente la pressione dall’esterno .

Si torna a casa e non si ha il coraggio di abbracciare i propri bambini , quel senso di magone nello stomaco misto a senso di colpa e paura verso le persone che amiamo e che rischiano come noi stando al nostro fianco.

È ancora tutta in salita la strada e a noi Operatori Sanitari non è concesso il tempo per esitare e aver paura, ma il coraggio sta nella consapevolezza della paura. Avere Paura ed esserne consapevoli, convivendoci ma non lasciando che la stessa possa condizionarci!”

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments