Napoli, presi tre trafficanti di droga: giro d’affari da 7 milioni l’anno: in casa anche la bomboniera-pistola (VIDEO)

    0

    NAPOLI – Un giro d’affari di oltre 7 milioni l’anno per tre trafficanti di Secondigliano e Miano ritenuti responsabili di detenzione di stupefacenti a fini di spaccio e arrestati dai carabinieri della Compagnia di Napoli Stella.

    L’indagine, coordinata dalla Procura di Napoli, trae origine dall’attività della Stazione di Secondigliano per il contrasto allo spaccio nella “Masseria Cardone”, una zona del quartiere di Miano ritenuta da sempre la roccaforte del clan camorristico dei “Licciardi”, dove il 18 luglio scorso i militari sequestrarono a carico di ignoti oltre 11 chili di hashish e 600 grammi di cocaina nonché manoscritti contenenti numeri, nomi e sigle riconducibili all’illecita attività.

    Analizzando i manoscritti si è risusciti a stimare un “giro d’affari” pari a circa 20.000 euro al giorno e oltre 7 milioni di euro l’anno.

    Insieme agli arresti anche una singolare scoperta: a casa di uno dei 3 arrestati sono stati trovati bomboniere e confetti a forma di pistola e proiettili dorati per ricordare il giorno della prima comunione di un nipote.

    Perquisendo una palazzina di edilizia popolare nel quartiere di Chiaiano, i carabinieri hanno inoltre rinvenuto nascosta sul tetto di uno stabile una pistola semiautomatica con matricola abrasa, carica e pronta a sparare.

    Ed è stato anche trovato un 17enne di Scampia evaso 2 mesi fa da una comunità in cui si trovava in esecuzione di una misura cautelare per rapina, il quale, quando ha compreso che i militari stavano arrivando al suo nascondiglio, ha provato a fuggire calandosi da una finestra.

    E’ stato arrestato e condotto di nuovo nella comunità da cui era scappato.

    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments