NAPOLI – A seguito di un’attività di indagine finalizzata alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti messo in atto sul perimetro esterno della Stazione ferroviaria di Napoli Centrale, ieri pomeriggio i poliziotti del Compartimento Polizia Ferroviaria Campania, dopo un mirato servizio di osservazione in abiti civili hanno proceduto all’arresto per spaccio di M.U., napoletano 43enne.
In particolare, i poliziotti della Squadra di Polizia Giudiziaria Compartimentale, dopo aver notato un andirivieni sospetto di persone che dalla Stazione di Napoli si dirigevano nell’appartamento di M.U. sito in via Genova, a seguito di perquisizione domiciliare presso quella abitazione, hanno rinvenuto e sequestrato un involucro contenente 19 grammi di cocaina, un bilancino digitale di precisione e la somma di euro 200,00.

M.U. veniva sottoposto al regime degli arresti domiciliari per essere tradotto in data odierna presso il Tribunale di Napoli per la convalida dell’arresto.

Nei giorni precedenti, precisamente il 15 febbraio, sempre all’esito di una attività di indagine finalizzata alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti all’esterno della stazione ferroviaria di Napoli Centrale, è stato tratto in arresto B.I., gambiano di 18 anni, pluripregiudicato con reati specifici per droga, sorpreso mentre cedeva una dose ad un tossicodipendente all’esterno della stazione di Napoli Centrale. Perquisito B.I. occultava sulla sua persona 10 involucri contenenti marijuana per un peso di 18 gr, un involucro contenente pasticche ecstasy, hashish e 90 bustine per il confezionamento delle dosi. All’esito della direttissima il reo è stato condannato alla reclusione di un anno e due mesi. L’acquirente invece veniva sanzionato per detenzione di sostanza stupefacente.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments