CARDITO – “Hai un figlio scemo e handicappato”: sono le parole che si é sentito dire un uomo di Cardito (Napoli), padre di un bambino affetto da microcefalia e convulsioni, in cerca di un impiego dopo avere perso il suo lavoro alcuni mesi fa.

Tommaso (nome di fantasia) è stato contattato sul numero di telefono che ha pubblicato sui social da una donna che l’ha offeso pesantemente per essersi permesso di cercare lavoro visto che già percepiva la pensione del figlio.

“Durante la telefonata, – dice Tommaso, che ha denunciato tutto all’associazione ‘La battaglia di Andrea’ – una donna adulta mi ha detto, con toni offensivi, che io già prendo la pensione di mio figlio, definito ‘scemo e handicappato’, e ciononostante mi permetto pure di mettere annunci di lavoro: ho provato dolore e sdegno”.

“A un certo punto – ha aggiunto Tommaso – mi ha detto che lei ha cinque figli e sono tutti sani e non sono handicappati come mio figlio. Quando le ho fatto sapere che l’avrei denunciata, poiché potevo risalire a lei dal numero fisso, con aria spavalda mi ha replicato che potevo fare quello che volevo”.

Tommaso si é rivolto all’associazione “La Battaglia di Andrea” che da anni si batte per i diritti dei diversamente abili, che l’ha invitato a presentare una denuncia alle forze dell’ordine.

“Se ciò che ci ha raccontato Tommaso rispecchia la realtà – ha commentato Asia Maraucci, presidente de ‘La Battaglia di Andrea’ – allora siamo davvero alla frutta: possiamo capire che ci potrebbe essere astio tra adulti ma offendere in questo modo un bambino per la sua disabilità é una cosa squallida”.

“Siamo e saremo accanto a tutta la famiglia, – ha concluso Maraucci – specie adesso che ha perso il lavoro: noi lo aiuteremo anche sul fronte dei beni di prima necessità”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments