vettura-carabinieri-640x380

AVERSA – “Parcheggiatori abusivi danneggiano auto per ‘vendetta’. E’ questa la denuncia che ci arriva da Aversa nel Casertano), dove alcuni ragazzi sono dovuti tornare a casa con i finestrini rotti per non aver pagato gli estorsori della sosta. E’ accaduto all’esterno di un locale: i giovani avevano deciso di parcheggiare in un viale nei pressi della struttura per non dover sborsare la ‘tassa’ richiesta dai parcheggiatori. Gli energumeni se ne sono accorti e, per ripicca, hanno distrutto i finestrini e preso i documenti. Un atto in pieno stile camorra, tipico di questa gentaglia”. Lo ha dichiarato Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi.

“Chi ha il coraggio di difenderli, chi osa ancora dire che si tratta solo di poveri padri di famiglia che fanno questo per portare il pane a casa, o è colluso con la criminalità o non ha alcuna percezione della realtà. I parcheggiatori abusivi sono dei criminali che gestiscono un business da migliaia di euro a settimana. Nessuna solidarietà per i delinquenti. Ormai non si è più liberi di parcheggiare senza ritrovarsi questi parassiti addosso, che con violenza ti impongono di pagare. Mi auguro che le forze dell’ordine di Aversa identifichino al più presto i responsabili e li assicurino alla giustizia”.

aversa

“Parcheggiatori abusivi danneggiano auto per ‘vendetta’. E’ questa la denuncia che ci arriva da Aversa nel Casertano), dove alcuni ragazzi sono dovuti tornare a casa con i finestrini rotti per non aver pagato gli estorsori della sosta. E’ accaduto all’esterno di un locale: i giovani avevano deciso di parcheggiare in un viale nei pressi della struttura per non dover sborsare la ‘tassa’ richiesta dai parcheggiatori. Gli energumeni se ne sono accorti e, per ripicca, hanno distrutto i finestrini e preso i documenti. Un atto in pieno stile camorra, tipico di questa gentaglia”. Lo ha dichiarato Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi. “Chi ha il coraggio di difenderli, chi osa ancora dire che si tratta solo di poveri padri di famiglia che fanno questo per portare il pane a casa, o è colluso con la criminalità o non ha alcuna percezione della realtà. I parcheggiatori abusivi sono dei criminali che gestiscono un business da migliaia di euro a settimana. Nessuna solidarietà per i delinquenti. Ormai non si è più liberi di parcheggiare senza ritrovarsi questi parassiti addosso, che con violenza ti impongono di pagare. Mi auguro che le forze dell’ordine di Aversa identifichino al più presto i responsabili e li assicurino alla giustizia”.

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Domenica 9 febbraio 2020

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments