NOLA – I Carabinieri stanno fornendo il massimo sforzo in tutta Napoli e Provincia per contrastare il mercato illegale dei fuochi d’artificio. Fenomeno illecito e quanto mai pericoloso.
E’ di poche ore fa l’ultima operazione dei Carabinieri della Compagnia di Nola. Nella frazione di Piazzolla, i militari della locale stazione hanno rinvenuto e sequestrato 200 chili di materiale pirotecnico illegale.

Gli ordigni artigianali – 54 batterie da 100 colpi l’una – sono stati trovati presso l’area esterna di un’azienda tessile. Fortunatamente i Carabinieri hanno sequestrato il materiale esplodente che potenzialmente avrebbe potuto causare danni enormi visto il luogo in cui era stato stipato.

La titolare dell’azienda, una 40enne incensurata del posto, è stata denunciata a piede libero e dovrà rispondere all’autorità giudiziaria del reato di fabbricazione o commercio abusivi di materiale esplodente.

I Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli sono impegnati in queste ore nel contrasto alla vendita dei botti illegali.

Nella tarda serata di ieri a Meta i Carabinieri della Stazione di Piano di Sorrento hanno arrestato per detenzione illegale di materiale esplodente un 73enne incensurato del posto.

Durante le operazioni di controllo, i Carabinieri hanno ispezionato l’attività commerciale ambulante dell’uomo. Nel furgone rinvenuti e sequestrati 300 ordigni pirotecnici che l’anziano deteneva illegalmente per la vendita.

L’arrestato è in attesa di giudizio, i Carabinieri continuano nei servizi a largo raggio.

Continua senza sosta l’azione dei Carabinieri nel contrasto alla vendita dei botti illegali.
Servizio a largo raggio nei quartieri di pianura e soccavo dove i militari della compagnia di bagnoli hanno denunciato per fabbricazione e commercio abusivo di materiale esplodente 3 persone e sequestrato 7 chili di fuochi pirotecnici.

I Carabinieri hanno trovato nell’auto di un 48enne della zona 3 batterie di fuochi d’artificio rientranti nella categoria “F3”. Per utilizzare questi fuochi pirotecnici bisogna essere in possesso della licenza di porto d’armi e l’uomo – sprovvisto di alcun titolo – è stato denunciato a piede libero.

Denunciati per lo stesso reato anche 2 ragazzi di 20 e 19 anni sorpresi in via provinciale ed in viale Adriano con due bancarelle abusive. Vendevano al dettaglio i fuochi d’artificio senza essere in possesso di alcuna autorizzazione.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments