polizia-arresto2

Una donna che grida, un uomo che la trascina in un vicolo di via A. Poerio. E’ questa la scena nella quale alle 20,30 circa di ieri sera i poliziotti in servizio di controllo del territorio si sono imbattuti nel percorrere la strada.

Scesi dalla Volante i poliziotti hanno inseguito l’uomo, che nel frattempo aveva lasciato la sua “preda” sul manto stradale per darsi alla fuga.

Raggiunto e bloccato, gli agenti della Polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale hanno quindi dovuto sottrarlo ad una folla di persone che cercavano di aggredirlo.

Papa Stephen, nigeriano di 41 anni, poco prima aveva afferrato la vittima alle spalle cominciando a toccarla nelle parti intime stringendola da dietro, fino a trascinarla in un vicolo. L’intervento immediato degli agenti ha consentito di evitare il peggio.

L’uomo, sbarcato a Lampedusa nel 2008, ha presentato negli anni diverse richieste di protezione internazionale.

Da stanotte è ospite presso la Casa Circondariale di Poggioreale.

Dovrà rispondere del reato di violenza sessuale.

“Stiamo semplicemente chiedendo il rispetto delle regole.

A Napoli un nigeriano che aveva ricevuto protezione umanitaria ha provato a stuprare una donna; non scappava dalla guerra, la guerra ce l’ha portata a Napoli. Solo grazie all’intervento delle forze dell’ordine questa donna si è salvata”.

Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini in una diretta Facebook parlando del tentativo di stupro a Napoli. “Questo schifoso – ha aggiunto- era qui a spese degli italiani e ha provato a stuprare un’ italiana. Lavorerò perchè sia messo su un aereo solo andata in direzione Nigeria. Non ritengo utile riempirci di altri delinquenti che arrivano da altre parti del mondo”.(ANSA).

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments