NAPOLI – “Via Tito Lucrezio Caro, come gran parte del quartiere Posillipo, è ormai abbandonata al degrado e all’incuria. I marciapiedi sembra siano stati colpiti da bombardamenti, in strada non ci sono buche ma vere e proprie voragini, le radici dei pini secolari, tagliati per rischio crollo, hanno completamente divelto il marciapiede e il manto stradale. Camminare a piedi, in moto o in auto è un rischio e la sicurezza di tutti è minata. Tutta la zona è di fatto interdetta ai disabili, chi ha difficoltà a camminare, chi è costretto su una sedia a rotelle, semplicemente non può utilizzarli. Stesso discorso vale per le famiglie con bambini, utilizzare le carrozzelle è impossibile e i piccoli non possono essere persi di vista neanche un secondo. Purtroppo, come troppo spesso accade, a Napoli si aspetta sempre il ‘morto’ prima di intervenire, si attende che le situazione precipitino, diventano quasi irrecuperabili, prima di cominciare a porre rimedio. Insieme al Presidente della Commissione Ambiente della Municipalità 1 Chiaia, Posillipo, San Ferdinando, Gianni Caselli di Europa Verde, ci batteremo con tutte le nostre forze per ottenere gli opportuni fondi ed i conseguenti interventi di recupero di questa splendida zona, oggi mortificata. Tutt’ora, non sono ancora stati stanziati i fondi necessari per la ripiantumazione degli alberi e per la sistemazione del manto stradale e dei marciapiedi di questa strada. Occorre dare dignità a via Tito Lucrezio Caro e a tutta Posillipo, non si può più restare con le mani in mano. Vedere uno dei quartieri più belli al mondo ridotto in queste condizioni fa male ai napoletani come a tutta l’Italia. L’ennesima pessima cartolina con cui la città si presenta al mondo. Un’altra occasione persa per valorizzare il nostro patrimonio”. Così Francesco Emilio Borrelli, Consigliere Regionale di Europa Verde, e Lorenzo Pascucci, Consigliere del Sole che Ride per la Municipalità I che hanno effettuato un sopralluogo sul posto

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments