NAPOLI – Sono scattati da questa mattina accertamenti economici sul conto delle persone sottoposte a misure pre-cautelari che beneficiano del reddito di cittadinanza. Le indagini sono state organizzate da parte del Comando Provinciale Carabinieri di Napoli e vedrà coinvolti tutti i Comandi e Reparti dell’intera provincia partenopea.

I Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro partenopeo hanno esaminato le “posizioni” economiche di 307 persone sottoposte a misure pre-cautelari.

Di queste, 146 hanno beneficiato illecitamente del reddito di cittadinanza per una percentuale pari quasi al 50%.

Questo monitoraggio riguarda solo il mese di febbraio. Dagli accertamenti in corso relativi al mese di Marzo il trend sembra essere simile.

I carabinieri hanno segnalato all’Autorità giudiziaria i casi analizzati per l’interruzione del beneficio. Il maggior numero di segnalazioni è localizzato nel quartiere partenopeo di Scampia. Seguono Torre Annunziata e il quartiere Secondigliano di Napoli.

Le disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza prevedono la sospensione dello stesso e meccanismi di rideterminazione degli importi del reddito a carico del beneficiario qualora – all’interno del suo nucleo familiare – ci sia una persona sottoposta a misura cautelare.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments