Tangenziale

NAPOLI – “Continuano per i napoletani i disagi legati ai restringimenti di carreggiata lungo il viadotto Capodichino della tangenziale di Napoli dovuti alle verifiche strutturali del ministero.

Purtroppo la città sta pagando il lassismo della società Tangenziale di Napoli che, dinanzi ad una criticità così grave, non ha informato gli enti locali, provocando una serie di disagi che i cittadini continuano a vivere ogni giorno.

Tenendo conto che, a quanto pare, non si tratta di un intervento di breve durata, occorre avviare un confronto tra i vari livelli istituzionali.

Per tale ragione lanciamo un appello al Prefetto di Napoli, convochi un tavolo di crisi che coinvolga la società, gli enti locali e le aziende di trasporto pubblico locale. Serve un coordinamento fattivo volto al contenimento dei disagi”. Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.

“Purtroppo – prosegue Borrelli – sarà un confronto tardivo, che sarebbe dovuto avvenire settimane fa, ma che sarà comunque utile a delineare un piano di viabilità e trasporti atto a contenere i disagi. Poi si dovrà ragionare sui caselli. Il provvedimento prevedere la mancata corresponsione del pedaggio lungo la rete per soli dieci giorni.

Se la situazione non dovesse cambiare chiederemo che la misura sia prorogata. Non si tratta di una mancetta ai napoletani ma di un provvedimento di buon senso per evitare ingorghi lungo l’unico asse viario urbano a pagamento d’Europa”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments