NAPOLI – “Registriamo un vero e proprio boom di segnalazioni sull’abbandono di rifiuti in strada in diversi quartieri della città. Come sempre, in presenza di una crisi, stavolta legata al coronavirus, che comporta difficoltà nel mantenere in servizio un numero adeguato di operatori ecologici e di Polizia Municipale che controlli il territorio, ecco che spuntano gli inquinatori della città. Quelli che riducono le nostre strade a discariche a cielo aperto. A via San Josè Mari d’Escriva a Pianura svuotato un intero furgone di rifiuti speciali e grazie a dei cittadini attivi sono stati segnalati alle autorità. Sempre a Pianura, come hanno segnalato diversi residenti in via Vincenzo Marrone regna una discarica a cielo aperto dove la spazzatura viene gettata a terra e lasciata lì per giorni senza che nemmeno l’Asia intervenga con gli abitanti costretti a rimanere chiusi in casa per la puzza; stessa situazione a via Compagnone a Marianella nonostante una telecamera posta sul palo di illuminazione lì presente; da via Annella di Massimo e via Stanislao Manna provengono invece foto di rifiuti abbandonati nelle aiuole e sui marciapiedi che restano lì per giorni. Abbiamo provveduto a segnalare all’Asia queste situazioni e abbiamo inviato alla Polizia Municipale la targa del furgone che ha scaricato abusivamente materiale. Ma per vincere la lotta agli incivili e agli inquinatori serve il sostegno di tutti. Segnalate come potete questi casi, anche in forma anonima, in modo da poter risalire ai colpevoli”. Lo ha denunciato il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, che ha ricevuto tantissime segnalazioni fotografiche in merito.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments