NAPOLI – “Il parcheggiatore abusivo che mi aggredì il 15 settembre di due anni fa è stato rinviato a giudizio. Il delinquente mi prese a schiaffi mentre riprendevo la sua attività illegale.

Il giudice ha evidenziato come non sussista alcuna violazione della privacy nel documentare delle attività criminali su suolo pubblico.

Viene meno dunque il mantra di cialtroni, delinquenti e intrallazzatori che invocano il rispetto della riservatezza quando sono ripresi per continuare a fare i propri comodi.

Il rinvio a giudizio del parcheggiatore è una prima vittoria nella nostra battaglia contro questi criminali ma non ci fermeremo.

Anzi invitiamo tutti a fare come noi: denunciateli! Solo così sarà possibile estirpare gli estorsori della sosta dalle nostre strade”. Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.

“Finora abbiamo denunciato 26 parcheggiatori abusivi e ne abbiamo segnalati 37. Nel frattempo stiamo preparando un nuovo dossier che presenteremo in Procura.

Abbiamo individuato un estorsore della sosta addirittura all’interno del porto di Napoli, in corrispondenza della calata di Porta di Massa.

Restiamo in attesa di un intervento legislativo che permetta di arrestare gli estorsori.

Le nostre battaglie sarebbero state più semplici e immediate se l’oramai ex ministro dell’Interno Salvini si fosse dato una mossa ad approvare i decreti attuativi della norma che ne permetteva l’arresto”.

Parcheggiatore abusivo via Medina

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Mercoledì 21 agosto 2019

Subscribe
Notificami
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Saverio
22/08/2019 16:43

MA mi sbaglio o sta a 100 metri dalla Questura. Ecco cosa dico io ma se alle vicinanze ci sono le polizie perche ci sta questo a estorcere denaro.