PITBULL

SANT’ANTIMO – “Il ritrovamento dei nove pitbull tenuti in pessime condizioni in un terreno nell’area di Sant’Antimo va ad allungare l’elenco di notizie che fanno pensare a un rilancio di un vecchio business della camorra, quello dei combattimenti di cani”.

Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, sottolineando che “negli ultimi tempi sono stati trovati cani morti e feriti ed è forte la sensazione che fossero stati coinvolti in combattimenti”.

“Nei giorni scorsi, abbiamo denunciato l’uccisione di una femmina di pitbull che è stata accoltellata e poi impiccata nei boschi di Quisisana nel comune di Castellammare di Stabia” ha ricordato Borrelli aggiungendo che “chiunque abbia sospetti che possano aiutare le forze dell’ordine a sgominare le organizzazioni che promuovono i combattimenti tra i cani non si volti dall’altra parte. Serve l’impegno di tutti anche perché oltre alle sofferenze dei cani, dietro i combattimenti c’è un fiume di denaro che va ad arricchire ulteriormente i clan della camorra”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments