bus_anm

NAPOLI – Pesanti disagi a Napoli per lo sciopero proclamato da alcune sigle sindacali dell’Anm, l’Azienda napoletana mobilità. La linea 1 della Metropolitana è ferma, stessa situazione alla funicolare di Mergellina.

Per quanto riguarda le altre linee della funicolare, Montesanto e Chiaia aperte, ma effettuano solo corse dirette. La funicolare Centrale non ferma al Petraio.

Questi i primi effetti, a Napoli, dello sciopero indetto dalle sigle Usb, Orsa e Faisa Confsal contro i tagli occupazionali e salariali previsti nel piano di risanamento aziendale, la carenza di mezzi e personale all’Anm, l’Azienda napoletana mobilità.
Nel corso della mattinata l’Anm comunichera i dati relativi all’adesione nel settore trasporto su gomma. Dalle 17 alle 20 scatta la fascia pomeridiana garantita.

“Bisogna salvare Anm e Ctp perché Napoli e la sua provincia non possono restare senza trasporto pubblico e per salvarli serve un impegno che deve vedere insieme Comuni, Città metropolitana, Regione e Governo perché non si può pensare di trovare soluzioni senza un intervento straordinario che ripiani i debiti”.

Lo hanno detto i Verdi, con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e il responsabile dei trasporti per il Sole che ride, Francesco Zavota, per i quali “la situazione di Ctp è ormai insostenibile perché i pullman sono fermi ormai da settimane e decine di migliaia di persone sono impossibilitate a spostarsi. Questo caos sta agevolando anche il trasporto abusivo e illegale che sta aumentando a dismisura soprattutto in provincia di Napoli nelle ultime settimane”.

“Nonostante i tanti appelli, fino a questo momento, il Governo non ha ancora preso posizione su questa vicenda nonostante non siano mancati, in passato, interventi per salvare altre aziende di trasporto pubblico locale” hanno aggiunto Borrelli e Zavota esprimendo “piena solidarietà al dipendente della Ctp che s’è sentito male nel corso delle proteste di questa mattina”.(Ansa)

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments