Scuole chiuse per l’allerta meteo, ma a Napoli splende il sole (VIDEO)

    0

    NAPOLI – Oramai l’allerta meteo sta diventando come la storia di “Al Lupo al lupo”.

    Ieri la Protezione Civile della Campania emanava bollettino arancione con forti piogge, vento e possibili frane.

    Molti sindaci della Campania tra cui Luigi de Magistris decidevano di chiudere le scuole di ogni ordine e grado. Ma fin da ieri sera era chiaro che questa ennesima allerta si sarebbe dissolta come una bolla di sapone. Temperature miti, mare poco agitato, vento assente così come la pioggia che almeno sulla città di Napoli non è mai caduta.

    Stamane quindi sole e scuole chiuse e sul web monta la polemica. Accuse di tanti genitori contro Palazzo San Giacomo, ma l’assessore alla scuola Annamaria Palmieri non ci sta e attacca i tecnici regionali.

    “Sull’allerta meteo il Comune ha preso la migliore decisione possibile: avevamo delle relazioni tecniche non solo sui fenomeni meteorologici ma sullo stato degli alberi danneggiati dall’episodio del 29 ottobre. Meglio un eccesso di prudenza per salvaguardare la salute dei più piccoli che essere superficiali, sapendo che in questo mondo di certo non c’è nulla”. Lo ha detto il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris in un’intervista a Mattina 9, in onda su Canale 9 – 7 Gold.

    “Le polemiche ci saranno sempre, qualsiasi sia la decisione. Bisogna considerare che l’allerta meteo è una previsione che viene fornita non dal Comune di Napoli ma dalla Protezione civile nazionale e da quelle regionali che consegnano un bollettino e affidano al territorio le scelte da prendere”.

    “Le previsioni spesso sono sballate – ha continuato de Magistris – l’altra volta c’era allerta gialla e ci furono venti a 130 chilometri orari; nelle ultime due occasioni invece sono capitati fenomeni di minore intensità in presenza di allerta arancione. Ma ci può stare che si faccia una previsione e la natura dia un riscontro diverso”.

    “Quello che bisogna capire – ha concluso il Sindaco – è che qua non si scherza: l’ultima volta c’è stata una vittima e ci sono stati cinque feriti. Con le allerte meteo spesso si prefigurano situazioni molto gravi, tant’è che si chiudono le scuole e i cimiteri e si invitano a limitare gli spostamenti”.

    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments