carcere-secondigliano

NAPOLI – “Sette detenuti del centro penitenziario Pasquale Mandato di Napoli Secondigliano sono stati coinvolti in un’attività in collaborazione con il Comune di Napoli e la Fondazione Cave Canem, finalizzata alla cura e tutela di animali maltrattati e abbandonati, attualmente affidati alla Casa di accoglienza “La Casa di Argo” in attesa di adozione”. A renderlo noto è il Garante dei detenuti della Regione Campania, Samuele Ciambriello. “Dopo aver svolto una formazione con operatori cinofili e lezioni ed esercitazioni in carcere con esperti e volontari, essi hanno avuto la possibilità di recarsi presso la struttura, a cinque minuti dal carcere e sentirsi nuovamente parte della loro città. Il loro primo compito è stato quello di dipingere un murales lungo tutto il muro di cinta della struttura, di oltre 100 m, svolgendo ciascuno un compito e collaborando come una vera squadra per oltre 45 ore di lavoro. Sono molto grato alla Direttrice Giulia Russo e a tutto il personale dell’area educativa che hanno promosso tale iniziativa, oltre che ai Magistrati di Sorveglianza, in particolare al Presidente del Tribunale di Sorveglianza di Napoli, Dott.ssa Angelica di Giovanni, che hanno permesso la realizzazione del progetto Buone prassi di misure alternative al carcere”

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments