NAPOLI – Arrestato l’imprenditore napoletano Massimiliano Coppola, indagato per aver agito come “amministratore di fatto” di quattro società operanti nel trasporto marittimo internazionale di prodotti petroliferi gassosi.

Il nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli ha eseguito un’ordinanza del gip di Napoli nei confronti del 50enne il quale, collocando la sede delle società nel paradiso fiscale delle Isole Marshall, nonostante fossero gestite dall’Italia, sarebbe riuscito a sottrarre alla tassazione italiana un imponibile pari a circa 90 milioni di euro tra il 2014 e il 2019.

Sono in corso sequestri di denaro, beni mobili e immobili e quote societarie fino a circa 23 milioni di euro, ovvero il valore dell’imposta evasa determinata applicando le aliquote previste ai ricavi che si assumono nascosti al fisco. Le ipotesi di reato contestate sono omessa dichiarazione dei redditi delle società, dichiarazione infedele dei redditi personali e autoriciclaggio.

Le indagini coordinate dalla Procura di Napoli hanno consentito di portare alla luce una complessa architettura societaria che sarebbe stata finalizzata all’evasione fiscale e alla schermatura dei soggetti proprietari. Le quattro società erano partecipate da una capogruppo, anch’essa residente nelle Isole Marshall, che a sua volta avrebbe avuto come socio unico un trust di diritto cipriota.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments