SOMMA VESUVIANA – “Nell’ambito dell’operazione denominata “Occhio di falco” che stiamo conducendo da mesi, abbiamo perlustrato alcune aree della provincia di Napoli e tra queste anche il territorio di Somma Vesuviana, grazie alla collaborazione con la Polizia Municipale, il Servizio di Igiene Urbana del Comune di Somma Vesuviana e Parco Nazionale del Vesuvio. Durante le operazioni coordinate dal Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana di Sicurezza Ambientale, Giovanni Cimmino, abbiamo rinvenuto amianto, pneumatici di grosse dimensioni ed in qualche zona anche una discarica a cielo aperto e abusiva. Siamo partiti da Rione Trieste salendo la montagna abbiamo raggiunto alcune stradine. Gli interventi hanno riguardato sia zone verso la montagna ma anche a valle. Ricordo che le Guardie Zoofile sono Agenti di Polizia Giudiziaria. Noi, in collaborazione con il Comune e con gli Enti locali preposti, individuiamo le aree degradate, gli scarichi abusivi di rifiuti ed inviamo nell’arco di pochi minuti, in tempo reale, la documentazione fotografica di quanto trovato ed anche la geo – localizzazione dei siti allo SMA Campania”. Lo ha dichiarato Bernardino De Vita, Coordinatore Provinciale delle Nucleo Guardie Eco – zoofile dell’Associazione Italiana Sicurezza Ambientale (AISA).

Tolleranza zero nei confronti di chi reca danno all’ambiente e alla comunità

“Noi siamo costantemente impegnati sul fronte pandemia, negli ultimi 4 giorni abbiamo registrato 25 nuovi positivi con una curva per fortuna stabile ma da tenere sotto controllo con 78 positivi attivi, di cui 6 ricoverati in ospedale, 69 persone in sorveglianza sanitaria, ma non stiamo per nulla abbassando gli occhi e la nostra attenzione sul patrimonio ambientale e sulla sua tutela. Tolleranza zero nei confronti di chi reca danno all’ambiente, alla nostra città, alla comunità. Già in alcune aree abbiamo delle telecamere grazie alle quali è stato anche nei mesi scorsi, possibile individuare i colpevoli. Tutelare l’ambiente è importante – ha dichiarato Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana comune del napoletano che nelle scorse settimane aveva partecipato di persona agli interventi con le Guardie Zoofile e Polizia Municipale – perché tutelare anche il proprio habitat significa garantire ai giovani un futuro migliore, sostenibile e più vivibile. Dobbiamo noi istituzioni sensibilizzare il popolo, la gente, i cittadini ed è giusto che il primo a farlo sia proprio il sindaco. Dunque pieno apprezzamento per quanto con costanza stanno facendo sul territorio le Guardie Zoofile, il personale del servizio di Igiene Urbana del Comune di Somma Vesuviana e Polizia Municipale. Grazie al loro occhio vigile anche questa volta siamo riusciti a scoprire questi scarichi abusivi”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments