GIUGLIANO – Diventa sempre più critica la situazione, salita a livelli di emergenza, quella dei campi rom in Campania. Un esempio sono i campi nomadi di Giugliano dove, durante un blitz degli scorsi giorni dei Carabinieri, sono stati ritrovati 4 motori per aerei ultraleggeri dal valore di 120mila euro.

Ciò che però fa ‘paura’ è ciò che è stato ritrovato, e documentato dal Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli durante un sopralluogo, nell’area comune dei due campi. Un’immane discarica a cielo aperto che contiene rifiuti di ogni sorta, dai materassi, televisori, frigoriferi e vecchio mobilio. Un cimitero di carcasse di auto, vecchi elettrodomestici e scheletri di apparecchi elettronici. Per concludere in ’bellezza’, è stata ritrovata anche la carcassa in decomposizione di una pecora.

“Queste sono oggettivamente condizioni in cui nessuno essere umano può e dovrebbe vivere. Non c’è da scherzare, il campo va liberato immediatamente. I campi di Giugliano sono una vera bomba ecologica, bisogna intervenire subito. Ci sono intere aree bruciate per ricavare rame, carcasse di auto, animali morti. C’è una puzza insopportabile. Il terreno appare contaminato. Ci sono decine di bambini che non hanno neanche 10 anni e che vivono allo stato brado. Donne incinta a 15 anni.

Denunciamo da anni il degrado e la pericolosità ambientale di questi campi. Vanno smantellati tutti. Parallelamente, affinché certe situazioni non ricomincino daccapo, occorre dare vita a progetti, seri ed efficaci, di reintegrazione sociale. ”- ha commentato Borrelli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments