NAPOLI – E’ stata prorogata sino al 2 maggio l’Ordinanza Sindacale contenente “Misure urgenti per fronteggiare fenomeni di assembramento sulle strade di accesso alle spiagge cittadine”.

ORDINANZA

OGGETTO: Misure urgenti per fronteggiare fenomeni di assembramento sulle strade di
accesso alle spiagge cittadine
IL SINDACO
Premesso che
con ordinanza sindacale n. 70 del 03/02/2021 sono state individuate alcune strade e piazze
cittadine interessate da situazioni di potenziale concentrazione di persone che costituiscono
possibili occasioni di diffusione del contagio del Covid-19 in quanto favoriscono
un’attenuazione anche involontaria del rispetto del distanziamento e del divieto di
assembramento;
con tale provvedimento è stata ordinata – laddove le forze deputate all’ordine pubblico e
sicurezza ravvisino il verificarsi di assembramenti in contrasto con le misure di prevenzione
della diffusione del contagio da Covid-19 – l’interdizione di tali aree per il tempo necessario a
ripristinare le necessarie condizioni di sicurezza, fatta sempre salva la possibilità di accesso e
deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private;
su richiesta del Prefetto di Napoli, con successiva ordinanza sindacale n. 214 del 02/04/2021,
sono state individuate ulteriori aree cittadine interessate da situazioni di potenziale particolare
assembramento durante le festività pasquali, in quanto vie di accesso alle spiagge della città,
per le quali è stata ordinata nei giorni 3, 4 e 5 aprile 2021 – in caso di assembramenti – la
medesima interdizione per il tempo necessario a ripristinare le necessarie condizioni di
sicurezza;
per fronteggiare possibili fenomeni di assembramento lungo le strade di accesso alle spiagge
cittadine, con l’ordinanza n. 230 del 09/04/2021 tali misure sono state prorogate anche nei
giorni 10 e 11 aprile 2021;
Considerato che
tali provvedimenti hanno consentito alle Forze dell’ordine e alla Polizia locale di svolgere negli
scorsi fine settimana controlli più incisivi ed efficaci volti a scongiurare fenomeni di
assembramento potenzialmente forieri di un aumento del rischio del contagio in specifici ambiti
urbani che presentano una forte criticità di concentrazione di persone;
l’approssimarsi delle festività del 25 aprile e 1° maggio espone maggiormente a rischio di
affollamento le strade di accesso alle spiagge cittadine;
Ritenuto pertanto
d’intesa con il Questore di Napoli, estendere a tutti i giorni della settimana la vigenza delle
misure di cui all’ordinanza n. 230/2021 volte a fronteggiare fenomeni di assembramento sul
territorio cittadino;
Visti
l’art. 32 della legge n. 833/1978
gli artt. 50 e 54 TUEL
Comune di Napoli
Data: 16/04/2021, ORDSI/2021/0000231
2
O R D I N A
l’interdizione delle sottoelencate strade di accesso alle spiagge della città per il solo tempo
strettamente necessario a ripristinare le necessarie condizioni di sicurezza, laddove le forze
deputate all’ordine pubblico e sicurezza ravvisino il verificarsi di assembramenti in contrasto
con le misure di prevenzione della diffusione del contagio da Covid-19, fatta sempre salva la
possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni
private:
1. via Franco Alfano
2. via Ferdinando Russo
3. discesa Gaiola
4. via Coroglio
5. via Nisida
6. via Marechiaro
R A C C O M A N D A
a tutti i cittadini di osservare comportamenti responsabili, ispirati al principio della massima
cautela e prudenza, osservando il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno
un metro e dell’uso della mascherina.
Si ricorda che l’inosservanza di detti comportamenti responsabili prevede l’applicazione delle
sanzioni di cui all’art. 2 del decreto legge n. 33/2020 convertito con modificazioni dalla legge n.
74/2020.
D I S P O N E
La presente ordinanza, immediatamente esecutiva, resta in vigore fino al 2 maggio 2021 e va
pubblicata in data odierna all’Albo Pretorio del Comune di Napoli e sul sito web istituzionale,
nonché trasmessa a:
• Prefetto;
• Questore;
• Presidente della Regione Campania;
• Polizia Locale
Avverso la presente ordinanza è ammesso, entro 60 giorni dalla pubblicazione, ricorso al TAR
Campania o in alternativa, entro 120 giorni dalla pubblicazione, ricorso straordinario al
Presidente della Repubblica.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments