Tragedia Capri, la famiglia di Emanuele: “Attendiamo l’autopsia, ma non crediamo all’infarto” (VIDEO)

    0

    E’ arrivata ieri sera al porto di Napoli la salma di Emanuele Melillo, l’autista precario della ATC morto ieri mattina a Capri nel corso di un incidente con il suo autobus a Marina Grande. Il corpo del 33enne è stato trasportato al Secondo Policlinico per le analisi autoptiche che sveleranno le cause della morte.

    La famiglia respinge l’ipotesi dell’infarto. Emanuele dicono era sano, da poco aveva fatto esami con la Croce Rossa di cui era volontario. Al momento l’ipotesi più accreditata potrebbe essere quella di un malore, un colpo di calore forse.

    Intanto buone notizie arrivano dagli ospedali dove sono stati ricoverati i 23 passeggeri che sono rimasti feriti nell’incidente. Per molti ferite e contusioni lievi, per i due bambini ricoverati al Santobono situazioni non preoccupanti. Per uno dei due ferite più gravi con traumi e fratture ma i sanitari hanno escluso conseguenze più gravi.

    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments