parcheggiatori-abusivi-2

NAPOLI – “Tre euro o ti rompo l’auto”. Con l’accusa di tentata estorsione i carabinieri del Nucleo Radiomobile del Reparto Operativo di Napoli hanno arrestato un parcheggiatore abusivo, il 59enne Alfredo Balestrieri, per tentata estorsione nei confronti di un’automobilista che aveva parcheggiato l’auto nei pressi dei giardinetti di via Ruoppolo.

Al suo arrivo il malcapitato, un 32enne napoletano, è stato avvicinato da Balestrieri che gli ha chiesto 3 euro.

Al rifiuto dell’uomo, il parcheggiatore lo ha dapprima minacciato di aggressione fisica, per poi ribadire che se non pagava avrebbe danneggiato o fatto sparire la vettura.

Il 32enne ha chiamato il 112. Quando la gazzella dei carabinieri ha imboccato via Kauffman, il parcheggiatore si è allontanato velocemente a piedi inoltrandosi nella zona pedonale dei giardinetti di via Ruoppolo.

I carabinieri lo hanno intercettato mentre cercava di passare inosservato in mezzo a famiglie e bambini a passeggio.

Sarà processato in giornata.

“Un altro sabato di passione per gli automobilisti napoletani. Tra la partita del Napoli allo stadio San Paolo e le strade della movida la città è rimasta ancora una volta in ostaggio dei parcheggiatori che invece di diminuire aumentano di giorno in giorno.

Dalla Riviera di Chiaia a piazza Trieste e Trento, da viale Kennedy al Vomero, dal centro storico a Bagnoli, per nulla intimoriti dalle forze dell’ordine, migliaia di estorsori hanno ancora una volta taglieggiato gli automobilisti con tariffe medie tra i 3 e i 5 euro, fino ai 10 euro fuori allo Stadio San Paolo dove alle persone del quartiere è stato impedito di parcheggiare le auto sulle strisce blu con minacce e violenza da parte degli abusivi che hanno utilizzato gli spazi per i loro sporchi affari.

Moltiplicate per decine di migliaia di veicoli, le estorsioni di questo sabato hanno fruttato un bottino che stimiamo di oltre 400mila euro in un solo giorno.

Il quartiere di Fuorigrotta , in occasione del match di campionato tra Napoli e Fiorentina, è stato presidiato militarmente da questi delinquenti che hanno occupato un ampio perimetro: dal Parco san Paolo a via Terracina, da piazzale Tecchio al viale Augusto, da via Leopardi fino al mercatino di Fuorigrotta.

L’impatto dell’azione della Polizia Municipale che sta cercando di fare il possibile, con 28 parcheggiatori fermati e 200 euro sequestrati, è stato decisamente modesto rispetto all’entità del fenomeno. Riteniamo che sia indispensabile agire con leggi nuove per mettere le forze dell’ordine nelle condizioni di essere più efficaci nella lotta a questi estorsori.

Abbiamo deciso di inviare a tutti i parlamentari la nostra petizione popolare con migliaia di firme affinchè il Parlamento si attivi a legiferare.

Questa è un’emergenza seria e sottovalutata. Diversamente, c’è la resa dello stato di diritto all’arroganza di questi delinquenti”. Lo hanno dichiarato il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, con il conduttore radiofonico, Gianni Simioli e il consigliere comunale del Sole che Ride, Marco Gaudini.

L'invasione dei parcheggiatori abusivi

Un altro sabato difficile per gli automobilisti. Parcheggiatori ovunque!

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Domenica 16 settembre 2018

L'invasione dei parcheggiatori abusivi

#Parcheggiatoriabusivi, Borrelli (#Verdi): sabato infernale, città è ormai ostaggio di questi delinquenti che continuano ad aumentare. Impedito con la violenza ai residenti di Fuorigrotta di parcheggiare le aiuto nei pressi dello stadio. L'impatto della Polizia Municipale al San Paolo non ha sortito effetti. Incassati dagli abusivi in un solo giorno 400mila euro “Un altro sabato di passione per gli automobilisti napoletani. Tra la partita del Napoli allo stadio San Paolo e le strade della movida la città è rimasta ancora una volta in ostaggio dei parcheggiatori che invece di diminuire aumentano di giorno in giorno. Dalla Riviera di Chiaia a piazza Trieste e Trento, da viale Kennedy al Vomero, dal centro storico a Bagnoli, per nulla intimoriti dalle forze dell’ordine, migliaia di estorsori hanno ancora una volta taglieggiato gli automobilisti con tariffe medie tra i 3 e i 5 euro, fino ai 10 euro fuori allo Stadio San Paolo dove alle persone del quartiere è stato impedito di parcheggiare le auto sulle strisce blu con minacce e violenza da parte degli abusivi che hanno utilizzato gli spazi per i loro sporchi affari. Moltiplicate per decine di migliaia di veicoli, le estorsioni di questo sabato hanno fruttato un bottino che stimiamo di oltre 400mila euro in un solo giorno. Il quartiere di Fuorigrotta , in occasione del match di campionato tra Napoli e Fiorentina, è stato presidiato militarmente da questi delinquenti che hanno occupato un ampio perimetro: dal Parco san Paolo a via Terracina, da piazzale Tecchio al viale Augusto, da via Leopardi fino al mercatino di Fuorigrotta. L’impatto dell’azione della Polizia Municipale che sta cercando di fare il possibile, con 28 parcheggiatori fermati e 200 euro sequestrati, è stato decisamente modesto rispetto all’entità del fenomeno. Riteniamo che sia indispensabile agire con leggi nuove per mettere le forze dell’ordine nelle condizioni di essere più efficaci nella lotta a questi estorsori. Abbiamo deciso di inviare a tutti i parlamentari la nostra petizione popolare con migliaia di firme affinchè il Parlamento si attivi a legiferare. Questa è un’emergenza seria e sottovalutata. Diversamente, c’è la resa dello stato di diritto all’arroganza di questi delinquenti”. Lo hanno dichiarato il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, con il conduttore radiofonico, Gianni Simioli e il consigliere comunale del Sole che Ride, Marco Gaudini.

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Domenica 16 settembre 2018

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments