NAPOLI – “Ad un anno dalla barbara e vigliacca sparatoria che ha colpito la piccola Noemi in piazza Nazionale vogliamo esprimere alla famiglia la vicinanza di tutta la Città e condividere il ricordo di quel drammatico giorno per continuare ad alimentare il già grande senso di riscatto e di giustizia dei Napoletani contro ogni forma di camorra e criminalità affinché ciò che è accaduto non si ripeta mai più.

Sin dal primo istante siamo stati al loro fianco. Tania e Fabio sono due genitori esemplari che non hanno mai veicolato messaggi di vendetta ma di giustizia e riscatto sociale.

A loro, a Noemi e a tutti i familiari, oggi va il nostro più forte abbraccio. Siamo distanti ma uniti alla loro forza e coraggio.”

E’ quanto dichiarano stamani il Sindaco de Magistris e l’assessore Clemente.

“Esattamente un anno fa, in un agguato camorristico a piazza Nazionale, i due killer (per la legge ancora presunti) Armando e Antonio Del Re, esplodono colpi di pistola per ammazzare il loro bersaglio.

Me nella traiettoria c’è la piccola Noemi, che viene colpita da un proiettile alla schiena.

Solo grazie allo straordinario lavoro dei medici del Santobono, Noemi sopravvive.

Ad oggi, ad un anno esatto dall’accaduto, i due killer non hanno dato nessun segno di pentimento, niente scuse.

Anzi, vengono vergognosamente immortalati sul social Tik Tok da un utente (forse un familiare o un amico), che si dice ‘onorato di averli come fratelli’.

Diversi cittadini ci hanno segnalato questo orribile video dove ridono spensierati.

Invece di provare pubblicamente vergogna, di pentirsi, dal carcere vengono visti quasi come i buoni.

E’ scandaloso. Non solo alcun cenno di pentimento, ma addirittura esaltazione e orgoglio criminale il tutto reso pubblico sui social”.

Lo ha dichiarato Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi, dopo le segnalazioni giunte da numerosi cittadini.

“C’è da domandarsi come sia possibile che due galeotti possano così facilmente stare sui sociale.

Mentre la parte sana della nostra comunità ricorda una delle vicende più orribili e vigliacche della nostra storia, questi criminali si vantano.

E tutto questo mentre la piccola Noemi, a causa loro, dovrà essere sottoposta ancora a diversi interventi prima di poter togliere il busto e tornare alla sua vita di tutti i giorni.

Auspichiamo condanne durissime e in tempi rapidi per i fratelli Del Re. Oggi ho parlato con il papà della piccola per esprimere vicinanza e affetto.

Purtroppo a causa del Coronavirus è stata già rimandata per due volte la seconda udienza del processo (previsto prima ad aprile, poi a maggio).

La data è fissata ora per il 9 giugno: chiediamo certezza della pena e severità, per rispetto di Noemi, della sua famiglia e di tutta la gente onesta”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments