NAPOLI – Sembra che protagonista nel territorio campano di questa estate sia troppo spesso il vandalismo, un fenomeno duro a morire. Nelle ultime settimane il fenomeno delle devastazioni delle panchine pubbliche è aumentato notevolmente.

La notte tra il 20 ed il 21 agosto a San Giuseppe Vesuviano una panchina di granito che il comune aveva fatto installare in piazza Santa Maria la Scala è stata devastata.

I responsabili dell’atto vandalico non sono stati ancora individuati, si spera di poter recuperare delle immagini delle telecamere di controllo installate dal comune in quell’area.

Mentre a Calata Capodichino, incrocio con Piazza Ottocalli, come segnalato da diversi cittadini al Consigliere Regionale dei Verdi-Europa Verde Francesco Emilio Borrelli, un’altra panchina pubblica è stata completamente sfasciata.

“E è la dimostrazione che c’è una totale mancanza di senso civico, di rispetto delle regole e di amore per il proprio territorio da parte di un pezzo della popolazione. Si fa tanto, tra mille difficoltà, per cercare di riportare pian piano dignità e decoro nelle nostre città e poi bastano gesti come questi per vanificare tutti gli sforzi. Ci auguriamo che le telecamere possano aver ripreso i protagonisti degli atti vandalici in modo che possano essere puniti severamente. Chi devasta i monumenti o i beni comuni per punizione dovrebbe svolgere lavori socialmente utili così imparerebbero cos’è il sacrificio e il rispetto per il territorio. Non dobbiamo arrenderci di fronte a chi fa di tutto per seminare caos, disordine ed inciviltà ma dobbiamo continuare a lottare per far rinascere la nostra terra.”- sono state le parole del Consigliere Borrelli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments