NAPOLI – Con oltre 250 adesioni tra associazioni, etichette discografiche, addetti ai lavori, musicisti, promoter e festival, si svolgeranno, per la prima volta a Napoli, gli Stati Generali della Musica Emergente – Suoni Giovani del Sud.

L’evento è promosso da MEI Meeting delle Etichette Indipendenti, Osservatorio Giovani (OTG) del Dipartimento di Scienze Sociali dell’ Università di Napoli Federico II, DiscoDays e Napule’s Power, con il patrocinio del Comune di Napoli, Agenzia Nazionale Giovani, ANCI, SIAE, Nuovo Imaie.

L’iniziativa partenopea nasce sull’onda del successo degli Stati Generali della Musica Emergente di Roma, anticipati a Milano, ideati e organizzati da Giordano Sangiorgi e Luca Fornari, rispettivamente del Meeting delle Etichette Indipendenti di Faenza (MEI) e del Circuito Teatri Lazio (ATCL), con il patrocinio dell’Agenzia Nazionale Giovani e della Regione Lazio, Lazio Sound.

Durante l’ultima edizione degli SGdME è emersa l’esigenza di fare il punto sulle produzioni artistiche e gli scenari musicali che stanno caratterizzando il Sud Italia. L’idea è di aprire un confronto pubblico e raccogliere le istanze dei professionisti della musica coinvolti, tra i principali protagonisti dell’indotto di un processo economicamente sempre più rilevante nel nostro Paese.

L’obiettivo è di redigere un Manifesto, individuando 10 punti utili al “Rilancio della Musica Emergente del Sud, in Italia e in Europa” che saranno presentati durante la prossima Festa della Musica del 21 giugno e saranno manifesto fondativo del prossimo MEI 25 a Faenza dal 4 al 6 ottobre e di promuovere i Decreti Attuativi a sostegno del Codice sullo Spettacolo dal Vivo che contiene Legge sulla Musica Italiana. Il tema risulta particolarmente attuale anche in riferimento al dibattito scaturito in questi mesi su la realizzazione di una norma che regolamenti l’emissione radiofoniche dando una priorità alle produzioni italiane ad esempio anche attraverso incentivi fiscali.

Sul tema delle politiche pubbliche di sostegno alla creazione musicale, interverrà all’iniziativa Andre’ Cayot, Consulente del Ministero della Cultura Francese, invitato dal MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti insieme alla Festa della Musica Europea.

L’iniziativa è sostenuta anche da: AIA – Associazione Italiana Artisti, i promoter di Anat – Asmea, le Indies di AudioCoop, Campania Music Commission, i responsabili di Classic Rock On Air, il circuito di It Folk, Iuppiter.eu, Radio Marte, F2 Radio Lab, Startup Music Lab e Creative Lab Napoli, Rete dei Festival, MVO Concerti, Suono, Videometrò, Classic Rock, Freak Out, Vinile e Prog, i musicisti indipendenti associati di MIA e i club e le discoteche del SILB.

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami