NAPOLI – Continua la stagione del Teatro Totò, dove, con la direzione artistica di Gaetano Liguori, da giovedì 27 gennaio alle ore 21.00 e fino a domenica 6 febbraio 2022, sarà di scena “Il Test”. L’esilarante e graffiante commedia che ha sbancato i botteghini spagnoli, da Barcellona a Madrid, ora arrivata in Italia con Roberto Ciufoli, Benedicta Boccoli, Simone Colombari, Sarah Biacchi e con la regia dello stesso Ciufoli. “Le domande sono semplici; le risposte meno”. “Cosa preferisci: centomila euro subito o un milione fra dieci anni?”. Ecco “Il Test” che dà vita allo spettacolo in cui tutto ruota intorno alle quattro S: soldi, sentimenti, sesso, successo. Un crescendo comico e drammatico, che porta alla luce il non detto, le aspirazioni, le colpe e le speranze dei quattro protagonisti. Il pubblico spagnolo ha fatto la fila per quattro stagioni teatrali per goderselo e adesso anche il pubblico napoletano nello storicizzato spazio di via Frediano Cavara avrà la possibilità di divertirsi. Lo spettacolo – che aveva iniziato il suo percorso con una prima parte di tournée di grande successo nel 2019 – è prodotto da Pipa e La Bilancia Produzioni. La scenografia è di Andrea Ceriani, il disegno luci di Francesco Bàrbera e i costumi di Sandra Cardini. “Hèctor e Paula, una coppia con qualche problema economico, devono affrontare la scelta che gli propone il vecchio amico Toni, in attesa che li raggiunga per cena Berta, la giovane fidanzata psicologa di successo. Una decisione apparentemente semplice: accontentarsi di una piccola ma immediata fortuna o aspettare lunghi anni per decuplicarla? Il dilemma che inizia come un semplice e teorico test di personalità, in un clima di divertita amicizia, diventa sempre più causticamente feroce, e mette progressivamente a nudo i caratteri, i pensieri reconditi e i delicati segreti dei quattro commensali. Fra battute di spirito al vetriolo e sferzanti dialoghi, i protagonisti vengono spinti a prendere decisioni che nell’arco di una cena cambieranno radicalmente le loro vite, forse per sempre”. “I test – ha scritto Roberto Ciufoli nelle sue note di regia- appassionano, la ricerca della giusta risposta per mostrare di essere intelligenti, acuti, pronti, à la page, ha mantenuto un fascino intramontabile. Cosa può mai nascondersi dietro l’innocuo è meglio un uovo oggi o la gallina domani? Rispondere, dipende dallo stato di salute della gallina, denota sagacia, cinismo o analisi pragmatica? Qualunque sia lo scopo di un test, il risultato finale sarà sempre una scoperta o la conferma di un comportamento che addirittura può sconvolgere chi viene testato. È il nostro caso. I protagonisti della nostra storia vengono letteralmente travolti dagli esiti di quello che all’apparenza è solo un inoffensivo test comportamentale: preferisci la voracità del morso qui e ora o la pazienza dell’attesa di un futuro piatto più sostanzioso?”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments