NAPOLI – In centinaia hanno partecipato alla presentazione del libro postumo del giornalista Carlo Longobardi “Ascolto musica come se niente fosse” a cura di Melania Tramaglino, presso la basilica di Pietrasanta, nel cuore del centro storico. C’erano gli amici di sempre, quelli che con Carlo hanno condiviso pezzi di storia e di vita. E i familiari, gli amici virtuali che seguivano il Carlo social autore di post memorabili con cui affrontava i temi più disparati: dallo sport ovvero il calcio Napoli, alla musica, dalla politica all’attualità con uno sguardo attento al sociale. L’uscita del libro, edito da Kinetès edizioni, avviene a un anno esatto dalla scomparsa del giornalista, funzionario della Regione Campania, storico tifoso del Napoli, morto prematuramente all’età di 56 anni, a causa di un raro tumore al timo. Il libro nasce per volontà della moglie Melania e delle figlie Francesca e Cristina che hanno promosso l’evento spiegando il significato dell’iniziativa: “Abbiamo avvertito la necessità di riversare sulla carta stampata un patrimonio, l’universo di Carlo, fatto di amore, amicizia e dedizione verso il prossimo – spiega Melania Tramaglino-. Un libro sulla cui copertina è impressa via Toledo fotografata dal terrazzo di casa e in cui confluiscono aneddoti e storie raccontate con arguzia e ironia ma anche poesie che inneggiano all’amicizia e alla vita”. Alcuni brani del libro sono stati letti dall’attore Massimo Andrei con sottofondo musicale di Larry Del Prete. A raccontare Carlo alcuni suoi amici tra cui l’oncologo Michelino De Laurentiis e il musicista Giovanni Block. Il ricavato dell’opera sarà devoluto alle associazioni “Un raggio di sole nel solco di Lory” e Mattia Fagnoni onlus. La serata si è conclusa con il ricordo della figlia Francesca Longobardi, 22 anni, dotata di una voce straordinaria culminato con l’abbraccio commosso con mamma Melania.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments