Ben 45 anni fa usciva il film “Il Soldato di ventura” con Bud Spencer (VIDEO)

0

NAPOLI – “Archeclub D’Italia rende omaggio a Bud Spencer. Era il 1976 quando uscì il film il “Soldato di ventura” che racconta della disfida di Barletta, girato nel castello di Lucera, con una scena anche sulle spiagge di Manfredonia. Sarà possibile vedere, fino al 9 Gennaio, presso la Cantina della Sfida, nel Centro storico di Barletta, in Puglia, l’armatura originale di scena indossata da Bud Spencer come ultimo Fieramosca sul grande schermo nel film prodotto e distribuito dalla Titanus con grande successo di critica e di pubblico in tutte le sale cinematografiche italiane e straniere”. Lo ha annunciato Nino Vinella, Presidente di Archeoclub D’Italia sede di Barletta “Canne della Battaglia”.

Il quarantacinquesimo del Film!

“IL FILM di coproduzione italo-francese con la regia di Pasquale Festa Campanile e liberamente ispirato in chiave comica di divertente commedia alla Disfida di Barletta, sceneggiatura di Castellano e Pipolo – ha continuato Vinella – usciva quarantacinque anni fa nelle sale cinematografiche con grande successo di critica e di pubblico in Italia ed all’estero per narrazione e sceneggiatura: protagonista principale nei panni di Ettore Fieramosca il popolare attore Bud Spencer ed un cast di primissimo piano internazionale fra cui Oreste Lionello, Mariano Rigillo, Philippe Leroy, Andréa Ferreol, Enzo Cannavale, Renzo Palmer, Marc Porel, Mario Scaccia, Jacques Dufilho, Eros Pagni.

Nella storia del cinema italiano, l’unico altro illustre precedente risale al 1938 con il kolossal in bianconero di epoca fascista ispirato al romanzo di Massimo d’Azeglio per la regia di Alessandro Blasetti e l’interpretazione nel ruolo protagonista di Gino Cervi”.

L’ANNULLO FILATELICO SPECIALE PER APPASSIONATI E COLLEZIONISTI

“Presso l’Ufficio Postale Barletta Centro in corso Garibaldi prosegue con la diffusione in abbinamento alla relativa cartolina celebrativa da parte di Poste Italiane: ricordiamo infatti che a Bud Spencer il Ministero dello Sviluppo Economico ha dedicato lo scorso 31 ottobre un francobollo – ha proseguito Vinella – per la serie tematica Eccellenze italiane dello Spettacolo.

In esclusiva l’esposizione dell’armatura originale grazie a “Buon compleanno, Soldato di ventura!”.

“L’iniziativa dal titolo “Buon compleanno, Soldato di ventura!”, ufficialmente patrocinata dal Comune con decreto del Commissario Straordinario dott. Francesco Alecci, é dell’Archeoclub d’Italia Associazione di promozione sociale Sede Storica di Canne della Battaglia Barletta quale soggetto promotore (nel 50° di istituzione a livello nazionale) – ha concluso Vinella – consente di vedere in esposizione l’armatura originale indossata da Bud Spencer.

L’ARMATURA ORIGINALE DI BUD SPENCER “SOLDATO DI VENTURA” indossata dall’attore nel ruolo del protagonista Ettore Fieramosca durante la lavorazione del film, quando il napoletano Carlo Pedersoli – noto al grande Pubblico col suo nome d’arte – pesava 130 chili per una statura di un metro e 93 centimetri!

E’ splendido esempio della più creativa e tradizionale artigianalità tutta italiana nel mondo dello spettacolo: realizzata in rame, risulta composta da corazza anteriore e posteriore, gorgera, elmo tipo bacinetto con celata intera, un paio di braccia complete, un paio di gambali completi di piede

Mai prima esposta dalla conclusione delle riprese, proviene eccezionalmente con il suo apparato espositivo dalla storica casa di attrezzeria scenica per cinema, teatro, televisione RANCATI di ROMA, fondata nel 1864 come realtà nel mondo dello spettacolo dove il “Made in Italy” nasce dai successi dapprima teatrali e successivamente cinematografici, dei grandi Maestri del passato, Italiani ed esteri. “Roma città aperta”, “La dolce vita”, “Ben Hur”, “El Cid”, fino alle più recenti produzioni “Gladiator”, “Pirates of the Caribbean”, “Robin Hood”, “The Borgias”, “The Tudors”, “Exodus”, “Game of Thrones” e molti altri, sono solo alcuni esempi della nostra lunga carriera”.

Dunque anche attraverso questi eventi è possibile sviluppare il turismo culturale.

“Puntiamo infatti – ha affermato Rosario Santanastasio, Presidente Nazionale di Archeoclub D’Italia – ad una valorizzazione completa del patrimonio culturale italiano”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments