CAIAZZO (di Chiara Esposito) – Si è tenuta questa mattina la cerimonia di assegnazione del premio Orchidea, il riconoscimento intitolato proprio al fiore simbolo del Matese, che, ideato e promosso dall’associazione stampa della provincia di Caserta, ogni anno viene conferito ai benemeriti dell’ambiente.

A ricevere il premio, nella sala feste della tenuta dell’Oasi San Bartolomeo a Caiazzo, sono stati infatti Francesco Canestrini, soprintendente delle belle arti e del paesaggio della Basilicata, già direttore del Parco della Reggia di Caserta, e Luigi Esposito, il “fioraio che regala i libri”, appunto il fiorista di Largo Ferrandina a Chiaia che negli ultimi tempi è stato conosciuto per il suo progetto “fiori e libri”, un book crossing nato per caso e che ha poi generato un vero e proprio fenomeno mediatico.

“La presenza di Luigi Esposito rappresenta una contaminazione” ha affermato la professoressa Maria Rosaria Iacono, presidente di Italia Nostra. Mai prima d’ora era stato destinato il premio a qualcuno che non si occupasse esplicitamente di ambiente, ma proprio l’impegno per la diffusione della cultura attraverso lo scambio gratuito di libri, associato all’amore per i fiori e la natura, ha costituito un benemerito innegabile.

“Il connubio tra natura e libri che Luigi Esposito ha messo in atto in maniera semplice risale in realtà a tempi antichi” ha poi aggiunto la professoressa Iacono, concludendo, citando Cicerone, che “i libri e i giardini, è tutto ciò che ci serve per essere felici”.

A raccontare il perché di questa iniziativa e la sua storia è stato proprio il premiato in questione, che ha spiegato come sia difficile distribuire i libri che gli vengono portati ,poiché “sono più i libri che arrivano che le persone interessate alla lettura”, ma anche come attraverso i libri stessi si sia arricchito umanamente ed emotivamente.

“Adesso sto imparando a conoscere le persone attraverso i libri che scelgono e viceversa ,ossia cerco di regalare il libro giusto in base al carattere della persona che me lo chiede”.

A presiedere la cerimonia anche Rosanna e Loreto Marziale, gli organizzatori, e il sindaco di Caiazzo, che ha sottolineato l’importanza dell’appuntamento per l’intero territorio.

Parole di elogio sono state poi spese per Raffaele “Luccio” Mazzatielli, decano dei botanici e agronomi della Campania, anch’egli destinatario del premio, che però non ha potuto ritirare di persona.

All’interno del parco naturale poi, i presenti hanno potuto godere delle diverse attività in programma per la giornata, come lo showcooking della chef Rosanna Marziale, e dei vari stand allestiti per promuovere i prodotti locali, il tutto potendo ammirare il meraviglioso paesaggio intorno, arricchito anche dalla presenza degli animali protetti dal WWF, ovviamente in libertà ma in apposite zone dell’oasi.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments