Napoli, 18 Dicembre 2021. Gran Galà Omovies, festival di cinema a tematica Gay, Lesbica, Transgender e Questioning della città di NAPOLI giunto alla sua 14a edizione consecutiva, presso la Fondazione FoQus, quartieri spagnoli- Ph. roberta basile kontrolab per IKen

NAPOLI – Sono “Pappo e Bucco” (Italia, 2020), regia di Antonio Losito per GEMINI MOVIE, per la categoria cortometraggi; Journey to the shore (South Korea,2020) per i mediometraggi e Canela (Argentina, 2020), regia di Cecilia del Valle per i lungometraggi, i film vincitori della quattordicesima edizione di “Omovies International Film Festival”, il più antico e longevo Festival LGBTQ del Sud Italia, organizzato a Napoli dall’associazione i Ken onlus, con il contributo della Regione Campania – Film Commission Campania, con la direzione artistica di Carlo Cremona e svolto in collaborazione con il CFCC (Coordinamento Festival Cinematografici Campania) e LGBT Channel tv.
Il 18 dicembre alla Fondazione FoQus si è svolta la serata di Gran Gala del Cinema LGBTQ della città di Napoli condotta da Priscilla e Laura Matrone, ospiti d’onore Vladimir Luxuria, Rosaria De Cicco. In un chiostro sicuro, controllato e colmo di persone, si è organizzato dopo 2 anni dall’ultima presenza il Gran Gala del Cinema LGBTQ del Sud, Omovies International Film Festival organizzato da i Ken ONLUS. Durante il prologo della serata si è svolta la prima edizione del concorso per l’elezione della prima Miss Cinema Drag Queen Italia realizzato in collaborazione con Nicola di Fiore e che ha visto vincere all’applausometro Kimberly. Molti i premi speciali e le Menzioni consegnate dal direttore Artistico Carlo Cremona: Premio speciale alla carriera di Rosaria De Cicco, nel ventennale del film di Ferzan Opzetek “Le Fate Ignoranti”; Menzione Speciale di Omovies al regista Giuseppe Bucci, per la filmografia; a Fabiomassimo Lozzi, per il documentario “Corpi Liberi” ed al regista Jo Coda, per la poetica e per la delicatezza usata nella narrazione di temi etici delicati e contraddittori come l’ultimo ispirato a Welby.
Dopo sette giorni di proiezioni e dibattiti, in modalità mista, due Academy hanno decretato i Vincitori e le cui motivazioni sono consultabili sul sito di Omovies alla pagina The Winners 2021.
La prima Academy tecnica Internazionale composta da Alberto Massarese (Italia, Regista teatrale e cinematografico); Luigi Barletta (Italia, docente di Cinematografia presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli e l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa); Chirre Adrian (Argentina, docente Universitario della Università di Tucumana; Corda Giulia (Los Angeles USA, vincitrice di due Sloan grants, uno dalla University of Southern California e l’altro dal Tribeca Film Institute; Katherine Russo (Australia – Italia, PhD University of New South Wales (Sydney), Professore Associato in Lingua e Traduzione Lingua Inglese presso l’Università di Napoli “L’Orientale”; Angela Vitaliano (NYC USA, A NYC giornalista) e Ruggiero Maria Esposito (Italia, Attivista LGBTQ).
La seconda Academy Popolare Giovani era composta da studenti dell’Accademia di Belle Arti, del Servizio Civile Universale di i Ken #Freedom – della Fondazione Amesci e di quelli ospiti della Less Coop.
Premio Speciali (motivazioni consultabili sul sito di Omovies alla pagina Premi Speciali e Menzioni):
Premio Vincenzo Ruggiero: la famiglia Ruggiero ha assegnato al film Marlene Super Hero regia di Gael Nyte (France, 2020). Maria, la mamma di Vincenzo ha trovato il personaggio di Marlene molto vicino al suo sentimento di mamma di tutti i ragazzi che si sentono incompresi, ogni mamma per lei deve essere così, una super eroina capace di accogliere tutti i figli in ogni circostanza.
Il Premio Popolare Giovani è andato al film documentario “Corpi Liberi” di Fabiomassimo Lozzi – Italia 2021.
Durante la serata vi sono stati tanti momenti di attivismo e di cultura Queer ed LGBT, grazie alle interviste di Laura Matrone alle giovani ed ai giovani concorrenti, sono usciti profili di lotta e di orgoglio per un percorso di parità e rispetto ancora lontano da realizzarsi tanto in città quanto nel resto della regione.
L’associazione i Ken ha consegnato la tessera onoraria a Priscilla (Mariano Gallo) e ri-consegnato la tessera onoraria, già data nel 2007, a Vladimir Luxuria per ribadire, rinsaldare e fortificare il legame sia con l’artista ma anche con la militante del movimento LGBT.
La partecipata serata si è conclusa con un omaggio a Frida Kalo con la performance “FRIDA FOREVER EXCLUSIVE DRAGSHOW” diretta da Nicola Di Fiore e Christian Addattilo (artisti in scena, Miss Odette, Ruby Peach, Raven Idoll) e con la consegna degli attestati alle studentesse e agli studenti dell’Università Orientale di Napoli, accorsi in gran numero come ogni anno.
I film sono stati tradotti e sottotitolati grazie al progetto inTRANSlation e alla collaborazione dei docenti di lingue e 80 studenti dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” coordinati dalla prof. Katherine Russo e dell’Università di Catania coordinati dai prof. Francesca Vico e Marco Venuti, che hanno guidato le esercitazioni linguistiche e garantito i principi della non discriminazione e del pieno rispetto del significato originale del testo alla base della narrativa filmica in un complesso studio tra significato e modo di dire , tipico della lingua parlata. Quest’anno sono stati selezionati e concorrono 70 film provenienti da ogni parte del mondo tra cui Argentina, Spagna, Brasile, Francia, Germania, Grecia, Italia, Perù, Filippine, Stati Uniti, Svizzera e molti altri ancora.
Il Festival è stato oggetto di un Symposium alla George Town University di Washington DC al Gurt2015 condotto dal prof. Giuseppe Balirano e dal prof. Marco Venuti. Il Festival è patrocinato da: UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali), Comune di Napoli, Fondazione AMESCI, Forum Giovani Campania ed Istituto Francese di Napoli Grenoble – Consolato Generale di Francia.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments