28.7 C
Napoli

Febbre scudetto, il Napoli ispira l’arte: ecco la scultura ‘Pulcimhen’ e la scaramantica ‘Mano de D10s’

-

NAPOLI – C’è ‘Pulcimhen’, la maschera in ceramica nata dalla fusione tra quella del centravanti del Napoli Osimhen e quella di Pulcinella. E c’è una versione scaramantica e ironica dell’immancabile “La Mano de D10s”. A Napoli la febbre scudetto ispira la creatività de ‘Le voci di dentro’ e dei suoi artisti. Così il grande sogno atteso da 33 anni rivive attraverso la rivisitazione delle opere iconiche della napoletanità da sempre cifra distintiva dello storico atelier d’arte sito in via San Biagio dei Librai 111.

La maschera in ceramica di Pulcinella diventa quella di Osimhen, l’attaccante numero 9 del Napoli, che indossa, a seguito di un infortunio, una maschera in carbonio e kevlar sul volto: l’idea e la mano di quadro e scultura ‘Pulcimhen’ sono quelli della giovane artista Annarita Buonanno.

Nel “Linguaggio de Le Mani” di Stefania Mussolino, raccolta scultorea frutto di uno studio sul mondo della gestualità partenopea, il gesto scaramantico delle corna in basso si posa sulla grafica del numero 10 dando vita a “La Mano de D10s”, omaggio a Diego Armando Maradona, il calciatore eterno che per primo ha trascinato il Napoli nell’universo scudetto (conquistandone ben due). L’opera è impreziosita dalle cornici artigianali in legno pregiato di Gm Group, azienda di produzione e distribuzione di aste per cornici che è alla  direzione artistica ed esecutiva dell’atelier, assieme alla Switch, agenzia di comunicazione.

Osimhen è il protagonista indiscusso anche delle diverse grafiche d’autore, che si fondono con le citazioni di un altro simbolo della napoletanità, Massimo Troisi: “Ricomincio da Tre” e di “Scusate il Ritardo”. Le grafiche sono realizzate dai creativi della Switch, e dedicate al sogno scudetto.

Anche l’artista Guido Gabriele, alias “graficaMENTE scorretta”, ha realizzato due grafiche per omaggiare gli 11 di Spalletti: “SanGennHope” e “San GennHeart”, entrambe rientrano nella serie numerata “Special G”, dedicata al Santo Patrono della città, San Gennaro.

Le Voci di Dentro
A pochi passi dal Duomo e da Spaccanapoli, nel cuore della città, precisamente a Via San
Biagio dei Librai 111 puoi trovare una bottega d’arte – nata il 23 novembre 2011 – in cui
prendono forma le icone della napoletanità. Qui, artisti e artigiani con tocchi semplici e design minimali danno vita ai miti di una città magnifica, che cela nelle sue strade i frammenti della tradizione e di un passato secolare fatto di leggende millenarie. L’opera più celebre è Il San Gennaro, il cui design minimal e innovativo ha finito per affascinare persino gli USA. Gli artisti e artigiani dell’atelier hanno avuto la capacità di spogliare dalle vesti della trascendenza l’icona del Santo Patrono di Napoli, riportandola all’essenziale stato delle cose, per donarle nuova forma.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x