Il mito di Masaniello torna in scena con Il Pozzo e il Pendolo (VIDEO)

0

Il Teatro Il Pozzo e il Pendolo, per la Rassegna Brividi d’Estate al Real Orto Botanico, ha portato in scena “A te, Masaniello”.

Un progetto meraviglioso che prende vita grazie alla caparbietà di raccontare di un passato ancora così presente da permeare l’anima ed il modo di essere dei napoletani.

La storia di un simbolo e di un’ideale.

Il 7 luglio del 1647 il popolo napoletano, ridotto alla fame dalla pressione fiscale del viceregno spagnolo, scatena una rivolta violentissima.

A capeggiare l’insurrezione Tommaso Aniello d’Amalfi, detto Masaniello, un pescatore. Napoli lo nomina Generalissimo della popolazione, e lo segue con cieca fede per sette giorni, mettendo a ferro e fuoco la città, costringendo i nobili ed il viceré a riparare a castel Sant’Elmo, per sfuggire alla violenza dell’assalto.

Sette giorni dura rivoluzione dei “pezzenti”, sette giorni leggendari durante i quali, il governo si arrende alla forza del popolo, e accoglie, senza condizioni, tutte le richieste del generalissimo. Sette giorni durante i quali il popolo è sovrano. Tra i vicoli, le strade, le piazze riecheggia un solo grido: libertà.

Sette giorni durante i quali l’impossibile diventa possibile. Poi, di colpo, tutto finisce. Qualcuno tira giù il sipario.

E si fa buio. Si fa buio nella mente di Masaniello che improvvisamente impazzisce. Si fa buio tra i vicoli, dove il popolo non inneggia più al suo comandante, ma a bassa voce ne decreta la morte. Il 14 luglio alla vigilia della festa della Madonna Carmine, Masaniello pronuncia il suo ultimo delirante discorso alla popolazione.

Poche ore dopo, mentre una folla devota si inchina alla Madonna, la testa di Masaniello viene portata in pegno al Viceré.

I latori della notizia che il Generalissimo è morto e la rivoluzione è finita sono i migliori amici di Tommaso Aniello d’Amalfi. Il popolo, che aveva fatto del pescatore rivoluzionario santo laico, festeggia la sua morte, infierisce sul suo corpo senza testa abbandonato in mezzo alla piazza del mercato.
Il sogno della libertà si spegne nel tradimento e nel sangue.
Questa la storia di Masaniello. Questa la storia di Napoli, che nei secoli si replica identica immutabile. La storia di una città che non perdona chi prova a sollevarla dal fango . La storia di un terra il cui ventre molle fagocita sogni e defeca abiezione.

A te, Masaniello nasce dalla voglia di raccontare il percorso di un sogno. Un sogno che nasce, splende e muore nelle tenebre della disillusione. Un sogno senza lieto fine. Bellissimo e disperato, come una stella cadente in una rovente serata di luglio.

Un’altra straordinaria ed imperdibile proposta del Teatro Il Pozzo e il Pendolo

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments