NAPOLI – Grande momento all’insegna dello spettacolo e della solidarietà per il trasformista napoletano Luca Lombardo (nella foto) che al Teatro Alfieri di Torino, con l’organizzazione dell’Aido ha presentato il suo fortunato show “Poubelle, la magia oltre ogni immaginazione”. Una serata che ha visto il popolare attore e performer confermare la sua bravura nell’arte del quick change e rimanere al tempo stesso vicino ad una iniziativa volta a sostenere l’attività dell’Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule. Ed è stato proprio in occasione del 49° compleanno della nota organizzazione di utilità sociale che Luca Lombardo ha portato tra il foltissimo pubblico del teatro di piazza Solferino degli indimenticabili momenti di spettacolo. “Sono stato felice- ha detto il noto trasformista- di aver potuto legare il mio nome all’Aido Torino e alla sua fondamentale e vitale missione. Intendo ringraziare per avermi voluto con loro, la sezione piemontese con il suo presidente Valter Mione, la presidente provinciale Claudia Contenti e la direttrice artistica dello stupendo evento Luciana Enescu”. Legando il proprio nome ad una così importante iniziativa, Lombardo ha nuovamente conquistato il pubblico entusiasmando la platea. Mago, prestidigitatore, attore, clown e trasformista, Lombardo, ha tenuto per circa due i tanti presenti incollati alle poltrone conducendo tutti in mondo fantastico, ricco di invenzioni, peripezie, prodigiosi cambi di costume. Puntando sul suo personaggio “Poubelle” e sul collaudato show sottotitolato “La magia oltre ogni immaginazione”, scritto insieme ad Augusto Fornari che ne firma pure la regia, anche a Torino, Luca Lombardo ha tenuto banco con una serie di divertenti monologhi e giochi di prestigio fino a giungere alla sua straordinaria sequenza di cambi d’abito. Con circa trenta cambi ultraveloci e l’apparizione di tipi come i celebri Mario Bros, Mary Poppins, lo Spazzacamino, Peter Pan e Lupin 3, il bravo Lombardo ha confermato il valore di un artista pronto a raggiungere grandi mete internazionali e, vista l’occasione, a non perdere mai di vista i grandi valori umani.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments