Cop_Ferrari_Segreto

NAPOLI– Mercoledì 16 marzo ore 16.30 al Circolo Nautico Posillipo il direttore Italo Cucci presenta il libro FERRARI SEGRETO Il mito americano. Saluti introduttivi del presidente rossoverde Bruno Caiazzo. Modera l’incontro Francesco De Luca, caposervizi de Il Mattino. Enzo Ferrari si è dato da fare, sempre, per non corrispondere allo stereotipo suggerito dai suoi soprannomi: dal “Drake” al Mago di Maranello per finire – dopo un duro e amaro conflitto con Santa Madre Chiesa – a una sorta di (s)qualifica… divina, Saturno, ma solo perché, secondo un illustre gesuita, “mangiava i suoi figli”,

ovvero mandava a morire i suoi piloti, tanti, senza piangerli. Non meritava tanto, naturalmente, anche se certi suoi atteggiamenti suggerivano in lui durezza d’animo e cinismo; ma l’Ingegnere (ecco come gli piaceva esser chiamato, lui gran lavoratore e sportivo di origini semplici e autodidatta, dopo che la prestigiosa Università di Bologna, la più antica del mondo, l’Alma Mater, gli aveva consegnato la laurea ad honorem) aveva sofferto e continuava a soffrire per quella pesante accusa come uno scomunicato, sicché alternava alle sfuriate un forte senso dell’umorismo che piaceva soprattutto ai giornalisti, ai suoi amici/nemici. Italo Cucci, aderendo a sua volta a una sorta di condanna professionale (“Parlo volentieri con lei di tutto, perché non capisce niente di auto”) poté vivere decine di incontri con un Ferrari diverso, intimo e segreto, sempre sorridente e sereno. Un Ferrari inedito che vale la pena incontrare, in queste pagine scritte col cuore e in una ricca galleria fotografica, anch’essa senza precedenti, realizzata da un altro “mago” di quei tempi, Walter Breveglieri.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments